Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Minacce a Borrometi, condannato Francesco De Carolis
Aveva mandato al giornalista file audio con intimidazioni

«È una sentenza storica». Sono state queste le prime parole di commento del cronista dell'Agi e de La spia. Il 44enne, accusato di tentativo di violenza privata aggravata dal metodo mafioso è ritenuto un personaggio di rilievo del clan siracusano Bottaro-Attanasio 

Redazione

Aveva inviato un file audio con intimidazioni sulla chat privata di Facebook al giornalista Paolo Borrometi, oggi il tribunale di Siracusa ha condannato a due anni e otto mesi di reclusione Francesco De Carolis. Il 44enne, accusato di tentativo di violenza privata aggravata dal metodo mafioso nei confronti del cronista dell'Agi e del giornale online La spia, è ritenuto dai magistrati della direzione distrettuale antimafia «un personaggio di rilievo del clan siracusano Bottaro-Attanasio», già condannato con sentenza passata in giudicato per omicidio, mafia, estorsioni e droga. Le minacce a Borrometi sono arrivate dopo una serie di articoli sulle attività criminali del gruppo criminale con riferimento anche a Luciano De Carolis, fratello di Francesco. 

Prima di riunirsi in camera di consiglio, i giudici hanno ascoltato la testimonianza dell'imputato, difeso dagli avvocati Sebastiano Troia e Matilde Lipari, che ha ammesso i fatti e si è dichiarato pentito. Il pubblico ministero Alessandro La Rosa aveva chiesto la condanna a tre anni e due mesi di reclusione. «È una sentenza storica: una condanna nei confronti di una persona che minaccia un giornalista, aggravata dal metodo mafioso. Io sono veramente felice». Questo il commento del giornalista all'Ansa subito dopo la sentenza.

«Un ringraziamento alle forze dell'ordine e alla magistratura che - ha aggiunto - sin dal giorno della mia denuncia, si sono messi al lavoro per scongiurare il peggio nelle intenzioni di De Carolis. È una liberazione. Io non sono un superuomo e ho tanta paura. Spero che a Siracusa, dove in pochissimi denunciano, comprendano che denunciare conviene. E poi per la prima volta il tribunale di Siracusa, sposando la tesi della procura e le mie paure, ha confermato che quelle minacce sono state fatte in nome e per conto del fratello, reggente fino a qualche giorno fa del clan siracusano Bottaro-Attanasio». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×