Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Antincendio, servizio privati potrebbe slittare a luglio
Gara per elicotteri valida anche con un partecipante

I termini per presentare le offerte per il nuovo bando, dopo che il primo non è stato aggiudicato, scadranno il 12 giugno. Da quel giorno partirà l'iter previsto dalla normativa per portare all'aggiudicazione definitiva. Passaggi che la rup Dorotea Di Trapani assicura di volere rispettare: «Anche nel frattempo perché potremo usare quelli dell'esercito»

Simone Olivelli

Foto di: Leo Sacco

Foto di: Leo Sacco

Quasi due milioni e quattrocentomila euro per un servizio di sei mesi, che in realtà durerà meno - forse cinque, ma potrebbe darsi neanche quelli - e che soprattutto inizierà in ritardo rispetto a quanto previsto. È il caso dei sei elicotteri antincendio di cui la Regione vorrebbe disporre tramite le aziende private del settore, per potenziare le prestazioni garantite dagli accordi già stipulati con carabinieri ed esercito. Il 23 maggio, sul sito della Centrale unica di committenza - una sorta di Consip regionale che rimanda all'assessorato all'Economia - è stato pubblicato il nuovo bando per la gara dopo che il precedente non è stato aggiudicato per via della partecipazione di una sola impresa. Qualora la situazione dovesse ripresentarsi, l'appalto stavolta verrebbe comunque vinto: nel nuovo bando, infatti, è stato cancellato - come anticipato da MeridioNews - il vincolo che imponeva la presenza di almeno due partecipanti, affinché la procedura venisse considerata valida.

Risolti i cavilli burocratici, restano quelli riguardanti i tempi necessari a mettere in condizione i mezzi di alzarsi in volo. Stando al capitolato d'oneri, il servizio dovrebbe durare sei mesi, con la conclusione prevista per il 30 novembre. Data per la quale dovrebbe concludersi la stagione antincendio e le prestazioni garantite di uno dei sei mezzi privati (gli altri cinque si fermeranno a fine ottobre). Calendario alla mano, ma la data è citata anche nei documenti allegati al bando, si scopre che gli elicotteri sarebbero dovuti essere a disposizione già dal primo giugno. Le cose invece andranno in maniera diversa: nonostante la scelta di una procedura d'urgenza, che riduce a 15 giorni i tempi per presentare le offerte, le buste potranno essere presentate fino al 12 giugno. 

Da quel giorno inizierà l'iter previsto dalla normativa, che porterà all'affidamento del servizio. I passaggi da fare prima della firma del contratto sono obbligatori e a ognuno di essi è riservata una quantità di giorni. La scaletta è riportata nel cronoprogramma: tra accertamenti su eventuali offerte anomale, controllo dei requisiti, proposta di aggiudicazione e stipula del contratto, dovrebbero trascorrere circa quaranta giorni. Che, ponendo il caso la gara si svolgesse il giorno stesso della chiusura dei termini per partecipare, significherebbe fare slittare l'inizio del servizio all'ultima settimana di luglio. Ovvero in piena estate e oltre un mese dopo l'inizio ufficiale della campagna antincendio, fissato come ogni anno per il 15 giugno. 

«La volontà è quella di fare nel più breve tempo possibile, ma rispettando chiaramente tutti i passaggi previsti dalla legge», dichiara a MeridioNews la responsabile unica del procedimento Dorotea Di Trapani. Specificando che il servizio partirà soltanto con il contratto stipulato. «Io non faccio aggiudicazioni in riserva di legge - chiarisce - e poi in questo caso non ne avremo bisogno, anche perché nel frattempo dovremmo avere i mezzi convenzionati con le forze armate». In tal senso, stando alle previsioni l'elicottero dei carabinieri dovrebbe essere pronto per il 15 giugno, mentre ancora meno si dovrebbe attendere per i tre offerti dall'esercito.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews