Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Arrestati il deputato Gennuso e due presunti affiliati
Voto di scambio politico mafioso alle ultime Regionali

I carabinieri del comando provinciale di Siracusa hanno tratto in arresto il parlamentare siracusano, su ordine della Direzione distrettuale antimafia di Catania. Gennuso è stato eletto nella lista Popolari e Autonomisti e fa parte della maggioranza di Musumeci. Avrebbe stretto accordi con il clan di Avola 

Salvo Catalano

Arrestato il deputato regionale Giuseppe Gennuso. E con lui altri due presunti affiliati alla cosa mafiosa di Avola. Per tutti e tre l'accusa è di voto di scambio politico mafioso durante le ultime elezioni Regionali. Sono stati i carabinieri del comando provinciale di Siracusa a eseguire il provvedimento, coordinati dalla Direzione distrettuale antimafia di Catania.

Il 65enne Gennuso, ora ai domiciliari, è stato eletto a febbraio, per la quarta volta, nella lista di centrodestra Popolari ed Autonomisti, nella coalizione di centrodestra a sostegno del governatore Nello Musumeci. Ha ottenuto 6.567 preferenze nel collegio di Siracusa. Sarà Daniela Ternullo, prima dei non eletti nella lista dei Popolari e autonomisti a Siracusa, a subentrare all'Assemblea siciliana a GennusoOriginaria di Melilli, alle regionali di novembre aveva ottenuto 1.790 preferenze. 

Gli altri due arrestati sono Francesco Giamblanco e Massimo Rubino. Il primo è il genero di Michele Crapula, ritenuto il capomafia di Avola. Giamblanco ha infatti sposato la figlia Desirèe. Rubino, che orbita anche a Melilli, sarebbe stato l'intermediario, colui con cui Gennuso avrebbe intrattenuto rapporti per ottenere voti e a cui avrebbe affidato una cospicua somma di denaro. 

Durante la campagna elettorale per le Regionali, Gennuso era stato indicato nella lista degli impresentabili, perché a processo con l'accusa di aver venduto acqua non adatta al consumo umano quando era amministratore del consorzio idrico Granelli. Recentemente il suo nome era finito in un'altra inchiesta, ma come vittima di una presunta estorsione da parte di alcuni soggetti di Pachino e Portopalo. La stessa Dda di Catania ha recentemente chiesto l'archiviazione per gli indagati di quella vicenda. Oggi l'arresto che pone anche un problema politico, vista la fragilità della maggioranza di Musumeci all'Ars. 

Ulteriori dettagli sull'indagine verranno forniti alle 11 in una conferenza stampa alla Procura di Catania. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×