Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Pietraperzia, proiettili contro il centro per migranti
Gestore: «Clima politico scatena guerra tra poveri»

Spari contro la finestra di un Centro di accoglienza straordinaria per migranti del Comune ennese. La struttura, ospitata nella casa canonica e gestita dall’associazione Don Bosco 2000, aveva aperto lo scorso giovedì. Il responsabile: «I colpi hanno raggiunto le porte interne, vicino ai bagni, fortuna che non passava nessuno»

Concetta Purrazza

C’è paura e sgomento sui visi dei 21 migranti ospiti di un centro di accoglienza di Pietraperzia, che stanotte sono stati svegliati da diversi proiettili esplosi contro una delle finestre della struttura

«Era l’una e mezza circa - racconta a MeridioNews, ancora incredulo, il responsabile del centro Don Bosco 2000 Agostino Sella - quando qualcuno ha sparato alcuni colpi di arma da fuoco dentro l’abitazione dove si trovavano i ragazzi in accoglienza. I colpi hanno raggiunto le porte interne, adiacenti i bagni. Per fortuna, nessun ospite si trovava nei paraggi a quell’ora. Non riusciamo a capire da cosa possa derivare questo gesto violento. Sicuramente, il clima politico contro i migranti fa il suo effetto e scatena una guerra tra poveri. Non sappiamo chi ci sia dietro questo atto intimidatorio. Ci affidiamo alle forze dell’ordine».

Nei giorni scorsi, la notizia dell’apertura della struttura di accoglienza per migranti ha creato malcontento tra i cittadini fino alla costituzione di un comitato per opporsi all'apertura, ma secondo il responsabile, «nulla faceva presagire un simile epilogo». «Qualche politico - dichiara - ha fomentato sull’arrivo dei migranti e i cittadini più poveri erano arrabbiati perché preoccupati che potessero togliere il lavoro. Ma in realtà si tratta solo di 21 ragazzi in una città di seimila abitanti». Un grave fatto che «lascia tanta amarezza, soprattutto perché questi ragazzi scappano dalle guerre per trovare un futuro migliore e invece arrivano qui e vengono accolti a colpi di lupara», conclude.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews