Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Impresentabili, Matteo Salvini sta con Musumeci
«Uno in lista con noi? Segnalato da Fratelli d'Italia»

Il leader della Lega Nord è arrivato questa mattina a Catania per lanciare la lista che prende il proprio nome. Prova a stare alla larga dalle polemiche, rivendicando l'appoggio sin dal primo momento al leader di Diventerà bellissima. «Ma la Sicilia non è un laboratorio politico», commenta. Poco dopo aver dedicato un selfie a una 90enne

Simone Olivelli

«Io sostengo Musumeci e la lista Noi con Salvini, è su questo che ci metto la faccia». Prova a smarcarsi così Matteo Salvini alle inevitabili domande legate agli impresentabili dentro il centrodestra. L'eurodeputato è arrivato questa mattina a Catania, per presentare la lista che correrà alle elezioni del prossimo mese in quello che, per il progetto legato alla Lega Nord, sarà il debutto nelle votazioni regionali. 

Una prima volta che, stando ai recenti sondaggi, potrebbe significare avere buone possibilità di vittoria. La corsa verso il voto, tuttavia, sembra ancora lunga e, quando non ci pensano gli avversari ad attaccare, ci sono i dissidi interni alla coalizione a creare tensioni. Come nel caso dei candidati che hanno più o meno direttamente problemi con la giustizia, a partire da Antonello Rizza, il sindaco dimissionario di Priolo arrestato la scorsa settimana per truffa e turbativa d'asta. Vicende che hanno portato Nello Musumeci a chiedere di non votare gli impresentabili nelle proprie liste, dopo settimane di appelli ai partiti. «Abbiamo detto no a gente che ci diceva ti porto tremila preferenze - assicura Salvini -. Non mi interessano i pacchetti di voti né la vicinanza dei clan (il riferimento anche se non esplicitato sembra andare al candidato forzista Riccardo Pellegrino, ndr). Anzi siamo qui in Sicilia per combattere la mafia quartiere per quartiere».

Scorrendo le liste, però, ci si imbatte anche in un caso che riguarderebbe da vicino l'eurodeputato: a Messina, infatti, è candidato Carmelo Pino, ex sindaco di Milazzo condannato in primo grado per abuso d'ufficio in un processo riguardante l'assunzione di un dirigente. Pino è stato inserito nella lista che unisce Fratelli d'Italia e Noi con Salvini. «Pino? È di Fratelli d'Italia - risponde, dopo avere accolto il suggerimento di chi gli sta accanto -. Se gli altri partiti fanno scelte discutibili, le domande fatele agli altri».

Sulla scelta di Musumeci come candidato a Palazzo d'Orleans, dopo settimane in cui il nome del leader di Diventerà bellissima è stato in ballo con quello di Gaetano Armao, Salvini a MeridioNews sottolinea di averlo «sostenuto sin dall'inizio perché lo apprezzo come persona» ma si guarda bene da rivendicare diritti di prelazione in ottica Politiche. «Se vinciamo io sarò contento per i siciliani, le elezioni nazionali sono lontane e ci si penserà dal 6 novembre - dichiara -. Sicilia laboratorio politico? Non lo è, lo diventa quando interessa a qualcuno». 

Quando gli si chiede quale sarà la prima cosa da fare per il nuovo governo regionale, il leader della Lega Nord non ci pensa su due volte: «Bloccare immediatamente l'immigrazione», dice, seppure senza soffermarsi su quali poteri dovrebbe esercitare il futuro governatore. Poi aggiunge: «E creare lavoro, ma con questo non intendo assumere gli amici degli amici». Ad ascoltarlo in sala poche decine di persone, alcune delle quali lo hanno atteso fuori dall'hotel per strappargli un selfie. «Una foto per una sua fan di 90 anni di Valguarnera Caropepe», gli propone un giovane. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews