Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Augusta, il coro della scuola intona canzone fascista
«Si dovrebbero insegnare pace e rispetto dei popoli»

È accaduto nell'ambito della tre giorni di eventi promossi dal Comando Marittimo Sicilia. A esibirsi, nella giornata dedicata agli istituti scolastici, è stato anche il Principe di Napoli che ha cantato l'Inno dei sommergibilisti scritto in pieno Ventennio da Mario Ruccione. L'autore di Faccetta nera. Guarda il video

Simone Olivelli

I bambini cantano in coro «colpire e seppellir ogni nemico che s'incontra sul cammino». La scena si svolge ad Augusta e non negli anni Quaranta, in pieno ventennio fascista, ma nel XXI secolo, con oltre 70 anni di repubblica alle spalle e una Costituzione che ripudia la guerra. A ospitare la canzione di Mario Ruccione, autore di numerosi componimenti inneggianti al periodo fascista tra cui la più nota Faccetta nera, è stato l'evento organizzato dal Comando Marittimo Sicilia nell'ambito della tre giorni di promozione delle attività della marina militare comprendente anche la regata Marisicilia Cup.

Tra le scuole che hanno risposto all'invito dell'ammiraglio Nicola De Felice anche l'istituto Principe di Napoli, diretto dalla Agata Sortino. Ieri mattina si sono recati insieme ai bambini delle altre scuole nella palestra Stampanone all'interno della base militare di zona Terravecchia. Con un coro formato da decine di alunni hanno intonato prima l'Inno di Mameli, poi la Preghiera del marinaio e infine l'Inno dei sommergibilisti. Scritta da Ruccione nel 1941, in piena Seconda guerra mondiale, la canzone è successivamente entrata a fare parte del repertorio ufficiale della marina militare, nonostante un testo inevitabilmente ricco della retorica fascista. Ad alcuni dei presenti la situazione ha fatto venire in mente i piccoli balilla. «Questa è la canzone che a scuola mi facevano cantare a me quann'era picciridda, con gonna e cravattino scuro e camicia bianca», dichiara un'anziana facendo riferimento anche all'abbigliamento degli alunni.

A parlare di inopportunità di insegnare ai bambini una canzone di questo tipo è la portavoce provinciale Cobas-Scuola Catania Teresa Modafferi. «Ridere in faccia alla morte, seppellire il nemico. Sono parole - dichiara - che esaltano un linguaggio, un modo di pensare, del quale, visto il contesto terribile nel quale viviamo, dovremmo al più presto liberarci. Se non altro, in nome di tutte le persone innocenti vittime dei danni collaterali della guerra e del terrorismo. La scuola - prosegue - dovrebbe promuovere la pace, la cooperazione dei cittadini e dei popoli. In sostanza, educare alla democrazia, che significa innanzitutto inclusione, rispetto e valorizzazione delle differenze». La critica riguarda anche il vestiario dei bambini: «Colpisce vedere tante bambine e tanti bambini vestiti allo stesso modo, in qualche misura irregimentati», conclude la portavoce Cobas.

In queste ore, MeridioNews ha provato a contattare la scuola Principe di Napoli per una replica, ma dall'amministrazione hanno fatto sapere che la dirigente Sortino non era raggiungibile.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews