Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Siracusa, due giovani nella Nazionale under 15
Il mister: «Speriamo di mandarne anche altri»

Umberto Fazio e Ruben Falla sono stati convocati per uno stage con la Rappresentativa di categoria di Lega Pro guidata da Arrigoni. Il tecnico aretuseo Elio Moncada: «Allenamenti mirati a ragazzi di questa età, noi non interferiamo con la scuola»

Luca Di Noto

Soddisfazioni nel settore giovanile del Siracusa, dove due giovani sono stati convocati da mister Daniele Arrigoni nella Rappresentativa under 15 di Lega Pro per uno stage. Si tratta del difensore Ruben Falla e del trequartista Umberto Fazio, entrambi del 2002, che a soli 14 anni si sono già tolti la soddisfazione di vestire la maglia azzurra della nazionale. A presentarli è chi li segue quotidianamente al Siracusa, il tecnico dell’under 15 aretusea Elio Moncada: «Ruben – spiega il mister a MeridioNews – è alto 1.80cm circa quindi ha una buona struttura fisica, mentre Fazio è un trequartista, una seconda punta, un po' più piccolino ma molto rapido e veloce. È il loro primo anno con noi, si sono subito inseriti bene nel nostro gruppo e rispondono benissimo ai nostri allenamenti, tant'è vero che nel campo hanno detto la loro e sono stati selezionati e sono piaciuti ai due stage a cui hanno partecipato». Nel corso dello stesso stage, anche un altro ragazzo siciliano è stato convocato. Si tratta di Giulio Giorgio, centrocampista in forza all’Akragas under 15.

Lo stage si è svolto nei giorni scorsi e i due ragazzi del Siracusa sono sembrati entusiasti di come è andato: «Mi hanno detto che è stato un bell’impatto – prosegue l’allenatore aretuseo –, con i tecnici della Nazionale che li hanno messi subito a loro agio. Hanno fatto una sorta di riunione iniziale per presentarli e farli conoscere, poi un primo allenamento pomeridiano servito per smorzare un po’ l'emozione, visto che si trattava di indossare la maglia della Nazionale per la prima volta. Infine hanno fatto tappa in albergo e c'è stata la cena». All’emozione, il giorno successivo ha fatto spazio l’allenamento vero e proprio: «Si è trattata di una seduta di una certa intensità, con poche pause tra un'esercitazione e l'altra, li hanno divisi in gruppi e hanno fatto tre tipi di lavori: un lavoro tecnico, uno tattico e poi la partitella finale. Naturalmente il mister Arrigoni, che li seleziona, durante queste mini partitelle tattiche faceva ripetere più e più volte schemi d'attacco o difensivi, per fare memorizzare ai ragazzi sistemi di gioco che per lui sono importanti». Per entrambi si è trattato del secondo stage, una bella esperienza a cui si spera nei mesi a venire ne seguirà anche un terzo».

La speranza di mister Moncada, però, riguarda anche altri giovani giocatori seguiti da lui quotidianamente: «Non nascondo che abbiamo anche qualche altro elemento dello stesso valore di Fazio e di Ruben, infatti pensavamo che qualcun altro venisse chiamato. Qualche altro elemento, uno o due, di valore importante all'interno della squadra under 15 è presente, quindi speriamo di mandarne qualche altro nella prossima convocazione». Trattandosi di ragazzi di circa 14 anni, bisogna sapere conciliare lo sport con un altro aspetto molto importante, ovvero lo studio: «Non tutti i ragazzi sono di Siracusa, alcuni ad esempio vengono da Catania. Abbiamo chiesto loro quali fossero gli orari migliori, in modo che avessero il tempo di uscire da scuola e avere del tempo anche per fare una prima parte dei compiti, poi allenarsi, e infine riprendere con i compiti. In società teniamo tanto allo studio: periodicamente visioniamo i loro risultati scolastici, se un ragazzo non dovesse andare bene a scuola cerchiamo di richiamarlo, perché non possiamo permettere che un ragazzo per allenarsi trascuri la scuola».

A dispetto dell’età, per quanto si tratti ancora di ragazzini, gli allenamenti sono comunque molto duri: «Dal punto di vista fisico-tattico – spiega mister Moncada – ci alleniamo quattro o cinque volte a settimana, quindi quasi sempre. Le metodologie di allenamento sono abbastanza moderne: nello stesso allenamento suddividiamo i ragazzi in due-tre gruppi, non li lasciamo mai fermi, quindi lavoriamo ad alta intensità sia dal punto di vista fisico sia da quello tattico in modo da averli disponibili in campo per diverse situazioni che si vengono a creare». I ragazzi si allenano sempre al pomeriggio, proprio per lasciare loro la possibilità di frequentare la scuola di mattina: «Noi ci alleniamo alle 17, quindi i ragazzi hanno il tempo di uscire da scuola, fare un pranzo e poi venire ad allenarsi. Gli allenamenti sono impegnativi, durano due ore, fino alle 19. I ragazzi fanno sacrifici notevoli, ma sono mentalmente già pronti a queste categorie. Siamo contenti, perché tenerli sotto pressione – conclude Moncada – e farli allenare due ore di seguito lasciandogli il tempo per tornare a casa e studiare è una cosa importante». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email