Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Muos, domani torna la protesta davanti alla base
Sarà la prima manifestazione dopo il dissequestro

L'appuntamento è per le 15 in contrada Ulmo a Niscemi. Il movimento che si oppone alla realizzazione del sistema di comunicazione satellitare torna in campo, dopo la recente decisione del Tribunale del Riesame, contro la quale la Procura ha fatto ricorso. Intanto la questura ha emesso una nota con precise prescrizioni 

Simone Olivelli

A poche decine di metri dal Muos, da quelle antenne contro cui da anni si battono. Gli attivisti di tutta la Sicilia si ritroveranno domani alle 15, davanti alla base militare di contrada Ulmo a Niscemi, per ribadire la propria opposizione al sistema di comunicazione satellitare statunitense. Si tratterà della prima manifestazione dopo la decisione del Tribunale del Riesame di accogliere la richiesta di dissequestro del sito, avanzata dal ministero della Difesa. Decisione su cui adesso dovrà pronunciarsi la Corte di Cassazione.

Il Riesame di fatto ha ridato alla marina militare americana la possibilità di disporre dell'impianto, ma sul reale utilizzo delle tre parabole al momento non ci sono conferme. Anzi, un dettaglio nelle ultime settimane ha amplificato le perplessità: le tre luci azzurre, che lampeggiando segnalerebbero l'entrata in funzione delle antenne, sono state viste sì accese, ma fisse. Un segnale al momento difficile da decifrare per gli stessi attivisti.

In attesa di conoscere il verdetto della Suprema Corte - a tal proposito i legali del movimento hanno presentato una memoria difensiva in seguito alla decisione della Procura di Catania di ricorrere in appello contro l'ordinanza di dissequestro - ma soprattutto di seguire l'evoluzione del processo penale in corso di svolgimento al Tribunale di Caltagirone, dove i capi di accusa riguardano i presunti reati ambientali commessi aggirando il vincolo di inedificabilità dell'area in cui è stato costruito il Muos, domani saranno centinaia - forse anche di più - le persone che prenderanno parte alla marcia.

Alla vigilia della manifestazione, una nota della questura ha sottolineato le prescrizioni da rispettare per i manifestanti. Nello specifico, per motivi di sicurezza, sarà impossibile andare oltre il primo cancello della base, e dunque inerpicarsi sulla collina da cui si vedono da vicino le tre antenne. Da fonti vicine al movimento, tuttavia, fanno sapere che la misura non è diversa rispetto a quelle prese prima delle altre marce, con l'unica differenza che stavolta le forze dell'ordine hanno deciso di diffondere la restrizione.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×