Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

«Tra forestali stupratori e condannati per tratta schiavi»
Nuova denuncia del presidente Rosario Crocetta su Rai1

Il governatore torna su uno dei suoi cavalli di battaglia. «È indegno che siano pagati con denaro del popolo italiano e siciliano. In totale tremila ne ho trovati. Prima di me essere mafiosi era una medaglia per assumerli»

Redazione

Non solo condannati per mafia. Secondo Rosario Crocetta, ospite su RaiUno al programma L'arena, tra i forestali «ci sono anche stupratori, condannati per tratta di schiavi, traffico di stupefacenti, reati gravissimi e - ha continuato - è indegno che siano pagati con denaro del popolo italiano e siciliano. In totale tremila ne ho trovati».

L'occasione per tornare sulla denuncia che il governatore ha reso pubblica lo scorso 8 marzo, è stata la trasmissione di Giletti. Che parte con un servizio da Pioppo, frazione di Monreale, in cui «su 2.300 abitanti 200 sono operai della forestale», dice il presentatore. Qui l'inviato incontra uno dei forestali condannati per associazione mafiosa che, dopo aver scontato la sua pena, è tornato al suo posto di lavoro. «Siamo 3.500 persone con questo reato, il concorso», afferma l'uomo. 

In realtà 3.500 sarebbero complessivamente i forestali condannati per qualsiasi reato, di questi 22 per associazione mafiosa, 66 sono stati sospesi perché considerati incompatibili. «Esiste una legge in Italia, quella del 27 marzo 2001 - spiega in studio Crocetta - che reintroduce nell'ordinamento dello Stato la previsione che chiunque sia stato condannato a una pena superiore ai tre anni, non può avere alcun rapporto di lavoro con la pubblica amministazione. Ma nessuno lo ha fatto prima, perché essere mafiosi era una medaglia per assumerli, un motivo in più».

Sollecitato dal presentatore e dagli ospiti presenti in studio, il presidente continua: «Ho impiegato un anno e mezzo per avere gli elenchi di questa gente e dei reati che hanno commesso - attacca - ovviamente c'è stato un sistema connivente e non è l'unico ramo dell'amministrazione. Ho licenziato cento Pip, a Palermo licenziare cento mafiosi non è un'attività senza rischio e indolore», conclude tra gli applausi del pubblico de L'Arena.

Ma Crocetta esplode poco dopo, rispondendo a Maurizio Grosso, segretario generale del sindacato dei forestali. «Non è una notizia clamorosa - afferma Grosso - se andiamo a vedere le precentuali dei lavoratori condannati in altri settori, ci accorgiamo che nel nostro settore ce ne sono meno in assoluto. Dai dati che abbiamo noi, che vengono dallo stesso ufficio da cui attinge Crocetta, risultano 66 quelli incompatibili. E se qualcuno è incompatibile con le norme dello Stato non abbiamo difficoltà a licenziarlo». Ma il sindacalista viene interrotto dalle urla del governatore: «Tremila ne ho trovati - dice - ci sono stupratori, condannati per tratta di schiavi, traffico di stupefacenti, reati gravissimi».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews