Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Sarri: «Frocio? Avrei potuto dire democristiano»
Figlio del primo presidente della Regione lo querela

Alberto Alessi, segretario della Democrazia cristiana nuova e figlio di uno dei fondatori del vecchio scudocrociato, ha presentato una denuncia a Palermo per diffamazione a mezzo stampa nei confronti dell'allenatore del Napoli. «Ha leso l'appartenenza di chi si riconosce nella Dc»

Redazione

Il figlio del primo presidente della Regione siciliana ha querelato Maurizio Sarri. L'allenatore del Napoli aveva insultato il collega dell'Inter, Roberto Mancini, alla fine del quarto di finale di Coppa Italia. «Frocio e finocchio», le parole pronunciate in un impeto di rabbia. Poi, in conferenza stampa, provando a giustificarsi aveva aggiunto: «Ho detto la prima offesa che mi è venuta in mente, gli avrei potuto dire sei un democristiano». Così, il mister toscano, senza saperlo, ha aperto un altro fronte tra i suoi detrattori. Alberto Alessi - segretario della Democrazia Cristiana Nuova, ex deputato Dc, nonché figlio di Giuseppe Alessi, primo presidente della Sicilia e tra i fondatori della Dc - ha presentato oggi una denuncia-querela per diffamazione a mezzo stampa al procuratore di Palermo, Francesco Lo Voi. 

«Non vi è dubbio che il comportamento di Sarri abbia di fatto leso l'appartenenza di coloro che si riconoscono nella Democrazia Cristiana, oltre che a tutti i cittadini che comunque ne riconoscono la valenza sociale, politica e culturale», si legge nell'esposto che continua: «Sarri ha posto a paragone, con evidente atteggiamento denigratorio e razzista, oltre che omofobo, l'essere omosessuale all'appartenenza alla Democrazia Cristiana. Il comportamento di Sarri non lascia dubbio sulla portata denigratoria e offensiva di quanto proferito». 

E poi, a detta di Alessi, si sono messi di mezzo anche i social network e peggiorare la situazione. «Non può non essere trascurato l'impatto che tali affermazioni hanno avuto anche sui social network i quali offrono tangibile dimensione dell'impatto diffamatorio che il comportamento di Sarri ha generato». E puntualizza che la decisione «non è un fatto personale. Ma - precisa - intendo difendere i valori della Democrazia cristiana e di uomini come Sturzo, De Gasperi e non ultimo mio padre». L'allenatore del Napoli, da sempre apertamente uomo di sinistra, al punto che Berlusconi lo scartò perché «comunista», potrebbe ritrovarsi così, oltre che squalificato dalla Coppa Italia, anche costretto a rispondere in un aula di giustizia. 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×