Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Possibile, il movimento di Civati si espande in Sicilia 
«Vogliamo essere sinistra di governo, non identitaria»

Nasce il primo comitato a Palermo, cui seguirà quello di Bagheria. Già costituiti gruppi nel Trapanese e altri a breve saranno creati a Catania. «Possibile - afferma Lillo Fede, responsabile della comunicazione nell'Isola - non è una somma di sigle. Non siamo sinistra estrema, guardiamo a una sinistra nuova»

Marta Genova

Foto di: ARCHIVIO

Foto di: ARCHIVIO

Pippo Civati lo aveva annunciato lo scorso 21 giugno a Roma: avrebbe fatto in fretta a espandere il fronte del dissenso all'interno del Pd. Durante la presentazione del suo nuovo movimento, Possibile, aveva detto ai militanti intervenuti da tutta Italia: «Non perdiamo tempo, sta a voi aprire i circoli». E questa mattina a Palermo, una grande assemblea a cui hanno partecipato giovani, studenti universitari, professori, semplici cittadini e simpatizzanti, ha accolto la costituzione del primo comitato il cui portavoce è Alessandro De Lorenzo, laureando in Giurisprudenza. In provincia di Palermo seguirà a breve quello di Bagheria che farà riferimento a chi era vicino a Civati già da prima. Andando al resto della Regione, i primi comitati che si sono costituiti sono a Trapani con un riferimento provinciale, creato mettendo assieme persone vicine a Civati di diversi comuni della provincia: Alcamo, Castellammare, Mazara, Trapani, Paceco, con l’dea di sviluppare poi i comitati nei singoli comuni,

Altri comitati che già esistono sono Pachino che fa riferimento a Salvatore Olindo, Racalbuto con Nicola Manoli e Gela con Nuccio Cafà, ex consigliere comunale. Comitati di prossima costituzione sono quelli di Catania, Scordia, Belpasso, Motta Santastasia, Augusta, Ispica, Ragusa, Modica, Comiso e Agrigento provincia.  «In questi Comuni  - spiega Lillo Fede, responsabile per la comunicazione in Sicilia - già sono state fatte le riunioni a cui hanno partecipato le persone proprio per formare il comitato, quindi manca davvero poco. Siamo molto avanti e la programmazione è fitta - continua -. Ci diamo tutta l’estate per coinvolgere la gente, perché sono tutte adesioni spontanee e abbiamo intenzione di presentare il progetto e accogliere più adesioni possibili. Le adesioni ai comitati sono di fatto tesseramenti. Ci si può iscrivere singolarmente, attraverso la piattaforma e man mano che si costituiscono i comitati la gente verrà dirottata su quelli creati».

Ancora non c'è uno statuto vero e proprio ma anche su quello si sta lavorando: «C'è una carta dei valori - continua Fede - che è il Patto repubblicano, presentato lo scorso anno. E' una forma di statuto provvisorio che con il contributo di tutti sarà rivisto e dato in versione definitiva all'assemblea nazionale di ottobre, ovvero la fase fondativa vera e propria a cui tutti i tesserati potranno partecipare». 

Possibile si sta già impegnando a organizzare campagne referendarie, con la raccolta di firme sui «punti peggiori delle leggi varate dal governo Renzi: Jobs Act, Italicum, ddl Buona Scuola, Sblocca Italia, che  - aggiunge Fede - poi sono quelli hanno causato l'uscita di Civati dal Partito democratico. A quale sinistra guardiamo? Il nostro è un percorso di condivisione, un percorso di sinistra di governo e non identitaria, una proposta lanciata alle singole persone ma anche a soggetti politici che vorranno collaborare con noi nel merito di iniziative che vogliamo intraprendere. Non è una somma di sigle, ma la volontà di costruire un progetto nuovo, basato su un programma di governo. Non siamo sinistra estrema, guardiamo a una sinistra nuova».

Una sinistra nuova che include sicuramente Sel con cui già tre mesi fa hanno dato vita a Sottosopra, «uno spazio comune che è costante ancora ora - aggiunge il responsabile -, non solo con li partito di Vendola ma anche con altri soggetti politici anche in vista delle elezioni regionali, quando saranno». E a chi vuole già affibbiargli l'etichetta di un classico movimento/partito che raccoglie disillusi e dissidenti, risponde: «Non sarà una bella etichetta ma non è nemmeno pessima. Il Partito Democratico - conclude Fede -  ha tradito le aspettative, gli elettori; era caratterizzato da una precisa collocazione politica e Renzi è chiaro che non voglia nascondere il fatto che sia diventato un'altra cosa. Il Pd governa in maniera stabile con quello che era il centrodestra, e realizza le stesse identiche riforme che voleva realizzare il governo Berlusconi. Se qualcuno è deluso da questo a noi da solo piacere che possa ritrovare in Possibile la fiducia. noi abbiamo le idee chiare». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews