Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

No Muos, nuove denunce per gli attivisti
Per l'accesso alla base del 9 agosto

Fuochi d'artificio a Niscemi, mentre in Florida veniva lanciato il terzo satellite Muos. Questa l'ultima protesta dei militanti che si oppongono all'attivazione dell'impianto di comunicazione militare degli Stati Uniti. Ma per una manifestazione del 9 agosto 2014 arrivano in questi giorni «decine di denunce, ma non ci faremo intimidire», scrivono i comitati. Guarda il video del lancio del satellite

Redazione

Mentre in Florida il razzo spaziale Atlas V portava in orbita il terzo satellite Muos, a NIscemi i militanti in contrada Ulmo lanciavano fuochi d'artificio davanti alla base militare Usa. Un gesto tra il goliardico e il dimostrativo e, dopo mesi, prima reale forma di protesta a poca distanza dalle tre antenne satellitari del mega impianto di comunicazione che comprende altre 46 impianti trasmettitori. Per l'ultima grande adunata antimilitarista del 9 agosto, stanno però arrivando in questi giorni decine di denunce agli attivisti. 

Fuochi d'artificio

«Quel giorno - spiega un comunicato inviato dal coordinamento dei comitati No Muos -, dopo avere sfilato in corteo contro la base, i militanti hanno tagliato le reti e sono entrati ad occupare la base simbolicamente e a dare solidarietà agli attivisti che il 7 agosto erano saliti sulle antenne per bloccarne la mortifera funzione. Ancora una volta, la repressione si accanisce contro chi lotta per difendere pace, salute, territorio e sovranità della propria terra». 

Secondo i comitati «il fine delle ultime denunce è sempre il tentativo maldestro di colpire, isolare e scoraggiare singoli attivisti e movimenti che non vogliono abbandonare la mobilitazione e continuano a impegnarsi a vari livelli per diffondere la giusta informazione sul Muos, aggregare e compiere azioni di disturbo contro chi esporta guerra e avvelena l'ambiente. Pensano, ingenuamente, colpendo un centinaio di attivisti, di intimidire la massa di persone che in tutta la Sicilia e l'Italia oramai lotta contro le basi e l'inquinamento elettromagnetico che esse producono. Noi - conclude il comunicato - rivendichiamo il valore di quella giornata e di quelle azioni, in attesa anche della sentenza del Tar che dovrà esprimersi sui ricorsi presentati contro la base».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×