Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Piano giovani, Lo Bello: «Ci sarà il terzo click day»
Ma la Sicilia rischia di vedere dimezzati i fondi rimasti

L'assessora alla Formazione ha annunciato ieri che Roma non scipperà un solo euro dai 250 milioni non ancora utilizzati. Eppure l'incontro nella capitale non sarebbe andato bene. Lo Bello ha promesso anche la ripartenza del progetto Prometeo, nonostante il recente stop del Cga

Giulio Ambrosetti

Mentre tra gli operatori della Formazione professionale siciliana monta la protesta, il governo regionale ricorre al solito valzer delle promesse, con qualche cambio di scena. Fuori Nelli Scilabra, ad affermare che è tutto a posto è la nuova assessora Mariella Lo Bello che ieri sera, a Sala d’Ercole, si è esibita in una nuova serie di «tranquilli, non ci sono problemi». Roma? «Non ha tagliato i fondi del Piano Giovani», ha detto Lo Bello. In realtà, da indiscrezioni, si apprende che l’incontro andato in scena lunedì scorso nella capitale non sarebbe andato benissimo. In ballo, com’è noto, ci sono250 milioni di euro del Piano giovani non ancora utilizzati

Abbonati a MeridioNews per continuare a leggere l'articolo

È gratis per i primi 30 giorni

Un piccolo sostegno a fronte di un grande lavoro: per leggere il giornale dal tuo smartphone, dopo 3 contenuti gratuiti ogni mese, ti chiediamo un contributo. In cambio non vedrai pubblicità invasiva e potrai scoprire tutti i nostri approfondimenti esclusivi.

Scopri di più

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×