Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Un prete e due consiglieri comunali indagati per corruzione
Tra ipotesi di reato anche truffa e circonvenzione d'incapace

Don Giovanni Tandurella, parroco della cattedrale di Piazza Armerina (in provincia di Enna) è finito agli arresti domiciliari nell'ambito dell'inchiesta Avaritia. Divieto di esercitare per un anno e presentazione alla polizia per i due consiglieri di Gela

Redazione

Foto di: Silvia Perucchetti

Foto di: Silvia Perucchetti

Un sacerdote agli arresti domiciliari e altre tre persone indagate, compresi due consiglieri comunali di Gela (Caltanissetta). Per loro è stato disposto il divieto di esercitare per un anno in uffici direttivi di imprese o società e l'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Sono questi i provvedimenti adottati dal giudice per le indagini preliminari di Gela, ed eseguiti dai carabinieri, nei confronti di quattro persone indagate nell'ambito dell'inchiesta Avaritia

I reati ipotizzati a vario titolo sono corruzione per un atto contrario ai doveri di ufficio, falsità ideologica commessa da pubblico ufficiale in atti pubblici, circonvenzione d'incapace, truffa, appropriazione indebita e riciclaggio. Tra i destinatari del provvedimento cautelare personale c'è don Giovanni Tandurella, parroco della cattedrale di Piazza Armerina (Enna) ed ex presidente dell'Ipab Antonietta Aldisio e anche due consiglieri comunali di Gela. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×