Appalti, in Sicilia è boom di interdittive antimafia. Ma c’è anche il nodo degli annullamenti

Una crescita che deve fare accendere più di una spia. È quella che riguarda le interdittive antimafia, provvedimenti amministrativi, adottati dai prefetti a livello locale, che hanno l’obiettivo di prevenire le infiltrazioni delle mafie nel mercato. Stoppando le imprese che ne sono destinatarie e bloccando la possibilità di contrarre con pubblica amministrazione, anche per quanto riguarda il capitolo dei fondi. L’ultima fotografia di questo complesso mondo arriva con i dati del ministero dell’Interno, anticipati dal Sole 24 ore. Su tutto il territorio nazionale, nel 2023, le interdittive sono state 2007 contro le 1495 del 2022. Un aumento del 34 per cento, mentre era stato di poco più del 30 per cento rispetto al 2019. In questa particolare classifica spiccano, ancora una volta, i numeri delle Regioni del Meridione e in particolari di Campania e Sicilia. Nel primo territorio i provvedimenti adottati lo scorso anno sono stati 490 – più 47 per cento -, mentre nell’Isola si scende a 390 ma con rialzo percentuale addirittura dell’84 per cento.

A livello provinciale bisogna cerchiare in rosso il dato di Agrigento. All’ombra della Valle dei templi i provvedimenti sono passati da 6 a 70. Poco prima di lasciare gli uffici la prefetta Maria Rita Cociuffa ha definito le realtà destinatarie dei provvedimenti come dei «bubboni» che rallentano la crescita economica del territorio. A Trapani, invece, si è passati da 13 a 47. Non sempre però per questi provvedimenti la strada in discesa e in più occasioni è capitato di assistere ad annullamenti. Tra i casi che fecero particolarmente discutere ci fu quello che riguardò la cooperativa Cibus, amministrata da Franca Lanceri, sorella di Lorena, quest’ultima arrestata il 16 marzo insieme al marito Emanuele Bonafede, nipote del boss Leonardo Bonafede, con l’accusa di aver favorito la latitanza di Matteo Messina Denaro. Ma se per i coniugi venerdì scorso è arrivata la condanna per la parente, dopo un ricorso in secondo grado al Consiglio di giustizia amministrativa, si è registrata la sospensione del provvedimento adottato dalla prefettura di Trapani, lo stesso che aveva bloccato l’attività di ristorazione della donna a Campobello di Mazara. Sul fronte degli stop c’è anche il caso della revoca dell’interdittiva antimafia alle aziende della moglie dell’ex presidente della Regione Totò Cuffaro. A febbraio il tar annullò il provvedimento della prefettura sbloccando anche l’erogazione dei fondi comunitari da parte dell’Agenzia per le erogazioni in agricoltura.

Tornando ai numeri su scala provinciale il primato delle interdittive spetta a Palermo con 112 provvedimenti notificati nel 2023. Dopo Campania e Sicilia il podio regionale è completato dalla Calabria. Gli stop dei prefetti sono stati in tutto 265 ma bisogna evidenziare una flessione del 2,9 per cento rispetto al 2022. Al Nord primeggia l’Emilia Romagna, territorio segnato dalle importanti attività per la ricostruzione post alluvioni. In questa porzione dell’Italia, nel 2023, le interdittive sono state 215. Sotto la lente d’ingrandimento delle prefetture ci sono gli investimenti legati al Piano nazionale di ripresa e resilienza. In una circolare, risalente al 2022, già si chiedeva agli uffici territoriali di rafforzare il tracciamento ai fini antimafia degli investimenti inerenti il Pnrr. Un ruolo centrale è quello rivestito dalla Banca dati nazionale unica della documentazione antimafia, all’interno della quale sono state inserite delle voci specifiche proprio legate al Pnrr.


Dalla stessa categoria

I più letti

Una crescita che deve fare accendere più di una spia. È quella che riguarda le interdittive antimafia, provvedimenti amministrativi, adottati dai prefetti a livello locale, che hanno l’obiettivo di prevenire le infiltrazioni delle mafie nel mercato. Stoppando le imprese che ne sono destinatarie e bloccando la possibilità di contrarre con pubblica amministrazione, anche per quanto […]

Una crescita che deve fare accendere più di una spia. È quella che riguarda le interdittive antimafia, provvedimenti amministrativi, adottati dai prefetti a livello locale, che hanno l’obiettivo di prevenire le infiltrazioni delle mafie nel mercato. Stoppando le imprese che ne sono destinatarie e bloccando la possibilità di contrarre con pubblica amministrazione, anche per quanto […]

Una crescita che deve fare accendere più di una spia. È quella che riguarda le interdittive antimafia, provvedimenti amministrativi, adottati dai prefetti a livello locale, che hanno l’obiettivo di prevenire le infiltrazioni delle mafie nel mercato. Stoppando le imprese che ne sono destinatarie e bloccando la possibilità di contrarre con pubblica amministrazione, anche per quanto […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]