Al via Ypsigrock, il festival della cultura indie A Castelbuono «spettacolo a misura d’uomo»

Avrà inizio oggi Ypsigrock, il festival di musica indie rock più importante del territorio madonita e non solo. Giunto ormai alla XXI edizione, è l’appuntamento dell’estate più atteso, affermandosi come istituzione nell’ambiente degli appassionati. Fondato nel 1997 ha visto crescere la sua fama e il suo prestigio negli anni, accogliendo sul proprio palco artisti amati dal popolo del rock a livello internazionale, con la formula tradizionale dei festival di musica europei.

Gli ingredienti vincenti si confermano da un lato la cosiddetta Ypsi Once, la possibilità di esibirsi sul palco una sola volta con lo stesso moniker, dall’altra la cornice culturale entro cui Ypsigrock è costruito: Castelbuono, le sue bellezze e il suo forte senso comunitario. I successi collezionati dal festival, nel 2015 viene eletto miglior festival d’italia agli Onstage Awards e nel 2016 è inserito nelle shortlist agli European Festival Awards, hanno reso Castelbuono una delle capitali mondiali della musica indie alternative rock al pari di altre blasonate realtà.

«Ypsigrock è una scelta di cuore ed è una scelta consapevole – affermano Gianfranco Raimondo e Vincenzo Barreca, art director e fondatori del festival – dove chi arriva decide di mettere di lato la frenesia da grande evento per godere di uno speciale spettacolo a misura d’uomo. A Castelbuono, infatti, diamo l’opportunità di assistere a tutti gli act in programma ma anche la possibilità di scoprire il territorio da ogni punto di vista. Siamo consapevoli che il valore aggiunto di Ypsigrock è dato proprio da questa grande opportunità che consente al nostro pubblico di appassionati di scoprire nuovi scorci del territorio attraverso una ricercata proposta musicale per una vacanza che in fin dei conti è una vera e propria esperienza sensoriale».

L’edizione 2017 non cambia: le esibizioni si susseguiranno sui palchi allestiti per l’occasione – ben quattro sparsi su tutta la cittadina, l’Ypsi Once Stage il palco principale del festival, racchiuso in Piazza Castello, tra l’antico arco medievale, l’immensa scalinata e l’imponente maniero dei Ventimiglia, simbolo di Castelbuono e del festival, l’Ypsi & Love Stage, all’interno del meraviglioso Chiostro Settecentesco di San Francesco, il Mr. Y Stage, inaugurato lo scorso anno, che ha sede presso il Centro Sud, nell’ex Chiesa del Crocifisso e il Cuzzocrea Stage, all’interno dell’Ypsicamping e immerso in una pineta dell’area attrezzata di San Focà, nel cuore del Parco delle Madonie. Anche il parterre di artisti promette bene: grandi nomi della scena internazionale, dai Beach House ai Digitalism, dai RIDE ai Cigarettes After Sex, band rivelazione tra l’altro in questo anno. E poi ancora ritorni graditi e debutti in anteprima assoluta. Tra gli artisti italiani in scena ci saranno Edda, che si esibirà in uno speciale set acustico nella corte interna del Castello dei Ventimiglia e Christaux.

L’Ypsigrok è un evento culturale a 360 gradi, all’interno del festival anche il workshop L’arte si fa valore: vie per lo sviluppo consapevole di profili professionali nel settore delle imprese culturali, creative e dello spettacolo dal vivo, che inaugura di fatto la tre giorni e ancora la possibilità di consumare e vivere il contesto culturale castelbuonese e madonita attraverso l’enogastronomia, le bellezze artistiche e naturali.


Dalla stessa categoria

I più letti

Se c’è una cosa che non si può comprare, è il tempo. Lo sanno bene gli imprenditori, spesso alle prese con la burocrazia e la risoluzione dei problemi, che lasciano poco spazio allo sviluppo delle proprie attività. Una di queste preoccupazioni, però, ha una soluzione facile: si tratta della flotta auto aziendali, gestibile risparmiando tempo […]

«In natura non esistono i rifiuti, ogni elemento si inserisce nel ciclo del biosistema, mantiene il valore il più a lungo possibile e si trasforma in nuova risorsa, innescando un circolo virtuoso». Ancora possibile anche in una società del consumo, andando Al cuore delle cose. Prende spunto – e pure il nome – da questo […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Sid Vicious ha ammazzato la sua compagna Nancy (non andò a processo perché morì di overdose). Bill Cosby sta facendo collezione di denunce per violenza sessuale. A Harvey Weinstein sappiamo tutti com’è finita. C’hanno fatto anche un movimento, il #metoo, per sensibilizzare alla violenza di genere tra i vipponi. Ma al governo italiano piacciono soltanto […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Non siamo una città. Siamo un incubo. Uno di quelli realistici, ma talmente esagerati che non possono essere veri. E, prima o poi, infatti, ci si sveglia. È però una lunga notte quella che stiamo vivendo da cittadini: catanesi oggi, palermitani appena un anno fa, siciliani tutti. Un sonno profondo che si rinnova a ogni […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]