Il Distretto produttivo Agrumi di Sicilia nel progetto europeo Trick per lo sviluppo dell’economia circolare

Si è svolta in Sicilia la quarta assemblea generale di Trick, il progetto europeo finanziato nell’ambito di Horizon 2020, programma europeo per la ricerca e l’innovazione, in cui il Distretto produttivo Agrumi di Sicilia è l’unico partner del settore agroalimentare, fra i 30 provenienti da tutto il mondo. Il progetto è stato avviato nel maggio 2021 e si concluderà nel 2024, periodo in cui verrà sviluppato un percorso di analisi, approfondimento e confronto per la realizzazione di una piattaforma Blockchain, utile ai consumatori che verranno forniti di strumenti adeguati per la scelta di acquisti consapevoli, e agli stakeholder che avranno analisi dettagliate sull’intero processo produttivo. L’obiettivo è lo sviluppo di un processo di economia circolare in grado di integrare sia il settore tessile che quello alimentare, evitando gli sprechi e utilizzando gli scarti come risorsa.

Nel corso della tre giorni siciliana, gli attori del progetto hanno analizzato dati, documenti, processi di trasformazione, strumenti operativi e passaggi gestionali, tutti elementi necessari alla costruzione di un percorso tracciabile a 360 gradi. A conclusione dell’assemblea in Sicilia, si è svolta la visita tecnica all’azienda EuroFood a Capo d’Orlando, in provincia di Messina, guidata dal direttore commerciale Giuseppe Ingrillì che ha mostrato le operazioni di estrazione del succo da cui si origina il pastazzo di agrumi, un sottoprodotto che verrà utilizzato nella produzione di biogas e per l’alimentazione del bestiame, i due processi sperimentali oggetto del pilot di responsabilità del Distretto. All’assemblea, incentrata sul food pilot, hanno partecipato i partner coinvolti: Enea, Cnr, Univerlab, Agenzia delle dogane e dei Monopoli, Scuola Superiore Sant’Anna, Politecnico di Milano, Università Politecnica della Catalogna, Ubitech, Dtf- Deutsche Institute für Textil, Domina, Quadrans, la Fratelli Piacenza, coordinatore del progetto.

«Come partner del progetto -spiega Federica Argentati, presidente del Distretto produttivo Agrumi di Sicilia- abbiamo guidato la delegazione all’interno dell’azienda nostra associata EuroFood per mostrare al partenariato il percorso dall’arrivo degli agrumi alla  produzione di succhi e sottoprodotti fino al pastazzo. Un percorso che deve essere sostenibile e tracciato con Blockchain in tutti i suoi passaggi». Argentati sottolinea come siano due i punti cruciali del progetto: «il primo- prosegue- è dimostrare che in Sicilia è possibile avviare progetti di economia circolare nella filiera agrumicola riutilizzando il pastazzo per la realizzazione di biogas, ammendante e alimentazione animale. In secondo luogo, dare una garanzia al cittadino sui percorsi tracciati e sviluppati in modo concreto perché sia un consumatore consapevole e informato».

La novità dell’iniziativa sta nel coinvolgimento della filiera agroalimentare in un percorso solitamente applicato al settore tessile. Nell’ambito del progetto verrà realizzato un algoritmo basato su IA e finalizzato alla predittività della shelf life. «Il progetto Trick- aggiunge Alessandro Canep di Fratelli Piacenza e coordinatore del progetto- ha come obiettivo la raccolta di dati relativi alla tracciabilità, alla circolarità, all’impronta ambientale, ai prodotti chimici utilizzati nel ciclo di vita e, non ultimo, all’aspetto dei canoni etici e sociali. Tutti questi dati vengono raccolti in Blockchain e sono la base di quello che sarà il Digital Product Passport che verrà incrementato dalla Commissione Europea e che nel settore tessile diventerà presto legge». Al centro della visita in Sicilia, le opportunità che il pastazzo potrà fornire in termini di risparmio di risorse, circolarità e riciclo, dando dei benefici al processo di economia circolare. «Il pastazzo potrà essere impiegato nell’alimentazione degli animali- chiosa Vincenzo Chiofalo, perché ha un grande valore nutrizionale -spiega Vincenzo Chiofalo, docente al dipartimento di Scienze veterinarie dell’ Università di Messina- e con i necessari controlli può essere inserito nella razione alimentare e questo processo consentirà da un lato il recupero dei sottoprodotti  degli agrumi e dall’altro un beneficio importante per la sostenibilità ambientale».

Dal punto di vista di chi il pastazzo lo realizza, questo progetto rappresenta una grande opportunità: «La nostra – conclude Giuseppe Ingrillì, direttore commerciale di EuroFood – è un’azienda di trasformazione che parte dal prodotto fresco e ottiene tutti quelli che sono i derivati agrumari quindi olio essenziale, buccia e polpa . Il pastazzo si produce dalla buccia dell’agrume fresco. La valorizzazione del pastazzo diventa cruciale per la sostenibilità del settore della trasformazione agrumaria e di conseguenza a cascata anche per quello dell’agricoltura stessa portando benefici a tutta la filiera. Quando questo percorso diventerà sostenibile economicamente, permetterà a noi di trasformare quello che oggi rappresenta un costo in una risorsa».


Dalla stessa categoria

I più letti

Si è svolta in Sicilia la quarta assemblea generale di Trick, il progetto europeo finanziato nell’ambito di Horizon 2020, programma europeo per la ricerca e l’innovazione, in cui il Distretto produttivo Agrumi di Sicilia è l’unico partner del settore agroalimentare, fra i 30 provenienti da tutto il mondo. Il progetto è stato avviato nel maggio […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]