Agrigento, blitz antidroga dei carabinieri Spaccio in provincia, 26 misure cautelari

Dalle prime ore del mattino i militari del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia dei carabinieri di Agrigento stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 26 soggetti ritenuti responsabili di detenzione e traffico di sostanze stupefacenti di tipo cocaina e hashish. 

Nello specifico, i territori interessati dalle indagini sono quelli del capoluogo, Canicattì, Favara, Grotte e Racalmuto, in provincia di Agrigento; e di Gela e San Cataldo, in provincia di Caltanissetta. L’operazione, coordinata dalla procura di Agrigento, vede impegnati 150 carabinieri supportati dai reparti speciali dell’Arma. Il gip ha disposto per sette gli arresti domiciliari, mentre per gli altri 19 la misura del divieto di dimora. Ai domiciliari vanno C.S di 31 anni di Canicattì (AG); A.I. di 63 anni di Racalmuto (AG); R.M.S. di 40 anni di Gela (CL); V.S. di 45 anni di Favara (AG);P.S.B. una donna di 38 anni di Favara (AG); B.C. di 50 anni di Grotte (AG) e T.G. di 42 anni di Racalmuto (AG).


Dalla stessa categoria

I più letti

Giustizia per Emanuele Scieri

Sono stati condannati i due ex caporali Alessandro Panella e Luigi Zabara. Finisce così il processo di primo grado con rito ordinario per l’omicidio volontario aggravato del parà siracusano Emanuele Scieri, avvenuto all’interno della caserma Gamerra di Pisa nell’agosto del 1999. Per loro il procuratore Alessandro Crini aveva chiesto rispettivamente una condanna a 24 anni e 21 anni, […]

Catania archeologica, l`occasione mancata

In una nota protocollata al Comune etneo a metà gennaio l'associazione di piazza Federico di Svevia chiede di gestire il bene del XII secolo, abbandonato, per garantirne «a titolo gratuito e senza scopo di lucro, la fruibilità». Adesso interrotta dal cambio del lucchetto del cancello da cui vi si accede e dalle divergenze con uno degli abitanti, che risponde: «C'era il rischio per la pubblica incolumità»

I processi a Raffaele Lombardo