Modica, un allevatore 49enne spara al vicino di casa
Assistono alla scena una bimba di 3 anni e un 17enne

Redazione

Cronaca – L'episodio è avvenuto lo scorso giovedì notte, nella periferia della cittadina in provincia di Ragusa. Gli uomini del commissariato locale hanno arrestato C.C per il reato di tentato omicidio. A dare l'allarme è stato un abitante della zona che ha visto l'uomo, senza patente, sfrecciare a bordo della Bmv del fratello. Guarda il video

Un tentato omicidio lo scorso giovedì notte nella periferia di Modica, in provincia di Ragusa. Gli uomini del commissariato locale hanno arrestato il modicano C.C., incensurato di 49 anni e allevatore nell’azienda di famiglia. L'uomo ha sparato a un vicino di casa, mettendo in pericolo anche la vita di altre persone presenti tra cui una bambina di tre anni e un diciassettenne

A dare l’allarme alle forze dell'ordine è stata la telefonata di un abitante della zona che ha segnalato di aver sentito uno sparo provenire dall’azienda di C.C. Secondo la ricostruzione fatta dalle prime indagini della polizia, il 49enne si sarebbe improvvisamente messo alla guida della Bmw del fratello con cui convive insieme ad altri familiari. Senza patente - che non ha mai conseguito - sarebbe uscito a velocità sostenuta dal piazzale dell'azienda agricola di famiglia. Un vicino di casa, preoccupato che fosse successo qualcosa di grave, lo avrebbe seguito fino all'azienda agricola. 

Lì ci sarebbe anche stato uno dei fratelli dell'allevatore - il proprietario della macchina - con la figlia di tre anni. C.C giunto nell'azienda sarebbe sceso dall’auto con il fucile in mano e avrebbe sparato un colpo di fucile in direzione del vicino di casa. Andato a vuoto il primo colpo, l'uomo avrebbe estratto dalla tasca una seconda cartuccia tentando di ricaricare il fucile con l’intenzione di esplodere un secondo colpo contro il suo vicino. Terrorizzati per quanto accaduto, il destinatario del colpo esploso insieme al figlio si sarebbero riparati dietro alcuni mezzi agricoli, mentre il fratello di C.C. e la nipotina si sarebbero nascosti in una stalla. Gli agenti giunti sul posto hanno trovato l'uomo all’interno della propria abitazione.

La successiva perquisizione eseguita anche nelle stalle vicine alla casa ha permesso di trovare un fucile semiautomatico calibro 12, marca Franchi, poggiato sopra una balla di fieno all’interno di una stalla. Nel corso dei rilievi, svolti anche dal personale di polizia scientifica del commissariato di Modica, sono state trovate una cartuccia esplosa calibro 12 e un'altra integra dello stesso calibro a terra, in un corridoio di servizio tra due stalle comunicanti, tra lo sterco degli animali, di cui C.C. si sarebbe disfatto prima dell’arrivo della polizia. Il fucile e le due cartucce sono state sequestrate e messe a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Da ulteriori indagini, è emerso che il fucile utilizzato da C.C. per sparare al vicino sarebbe di proprietà del fratello convivente , che lo avrebbe detenuto regolarmente. Il 49enne lo avrebbe, dunque, sottratto all'insaputa del fratello. L'allevatore è stato arrestato e, dopo le formalità di rito espletate al commissariato di Modica, è stato accompagnato al carcere di Ragusa secondo le disposizioni del pubblico ministero di turno.