Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Incendi, le fiamme arrivano alla Riserva dello Zingaro
Evacuato villaggio turistico. «Via in costume e ciabatte» 

Emergenza totale nel Trapanese, soprattutto nella spiaggia di Calampiso dove centinaia di persone sono state fatte allontanare. Il primo cittadino chiama a raccolta «chiunque abbia imbarcazioni sicure». Il rogo tocca anche la riserva che da ieri sera è chiusa per motivi di sicurezza. In aggiornamento

Salvo Catalano

«Chiunque sia in possesso di imbarcazioni sicure e affidabili si rechi urgentemente presso il villaggio Calampiso per aiutarci a evacuare circa 700 persone dal villaggio! È urgentissimo». L'appello del sindaco di San Vito Lo Capo, Matteo Rizzo, restituisce il livello di allarme che in queste ore si è raggiunto nel Trapanese a causa degli incendi. La Sicilia brucia, da una punta all'altra. E a essere minacciata, proprio dal lato di San Vito Lo Capo, è anche la Riserva dello Zingaro, tra i litorali più belli e preziosi della Sicilia. 

«C'è fuoco ovunque - spiega la direttrice della riserva, Rosa La Barbera - l'altro giorno è bruciato il lato di Macari, oggi è il versante di Calampiso a essere assediato dalle fiamme. Tutti i nostri operatori sono là e c'è anche un canadair in azione». A bruciare sono vaste porzioni di macchia mediterranea, mentre al momento le strutture della riserva non sono minacciate dal fuoco. 

Da stanotte la riserva è chiusa per motivi di sicurezza. Ormai non si aspetta neanche il divampare del fuoco, basta il vento di scirocco a far scattare l'allarme e l'applicazione di un preciso protocollo. «Siamo sempre in contatto con la sala radio che ci allerta sulla situazione del vento - spiega La Barbera -. Quando c'è scirocco, il protocollo prevede la chiusura, per evitare situazioni di panico o evacuazioni pericolose vista la grossa affluenza di turisti». 

L'emergenza, come detto, si concentra a Calampiso, dove stanno operando i vigili del fuoco, i forestali, personale della Protezione civile, ma anche carabinieri e uomini della Capitaneria di porto. Centinaia di turisti sono stati evacuati dal villaggio turistico e stanotte saranno ospitati in strutture comunali e in alcune scuole individuate dal sindaco. Non si registrano feriti al momento. 

«Siamo scappati in costume e ciabatte. Il nostro appartamento è stato avvolto dalle fiamme. Erano proprio sopra di noi - racconta Stella Belliotti, una delle turiste evacuate dal villaggio -. Ho preso mia figlia e sono andata in spiaggia. Ci hanno fatto andare via sui barconi che fanno il giro dello Zingaro. Prima donne e bambini e poi gli altri. Molti sono rimasti sulla spiaggia ad aspettare i soccorsi. Non ho nulla, solo il cellulare - continua -. Abbiamo lasciato tutto lì per la paura. Dalla barca, il villaggio non si vedeva più. Era avvolto dal fumo. Mio padre ha fatto in tempo a spostare l'auto per metterla più in basso, vicino al mare, ma non so se la ritroveremo».

Intanto a qualche chilometro di distanza, a Castellammare del Golfo, si contano i danni dell'incendio che dalle 23 circa di ieri, ha devastato la montagna che sovrasta la cittadina. «Stamattina, intorno alle sette, sono rientrate le circa cento famiglie evacuate in zona Fraginesi - spiega il sindaco Nicolò Coppola -. Tra Pilato e Costa larga i danni sono ancora in quantificazione, ma superiori certamente al migliaio di ettari con il fuoco che ha bruciato chilometri di vegetazione e arrivato a lambire tante villette della zona densamente abitata soprattutto in questo periodo estivo». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×