Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Maria di Trapani, processo per il conduttore
Reclusa e costretta a fare bisogni in pentola

Alberto Lipari e l'assistente Rosalba Platano dovranno rispondere di maltrattamenti davanti al Tribunale di Marsala. Sono accusati di aver sfruttato la 42enne Maria Caruso, portandola in giro per i locali, senza mai pagarla. Mentre a casa, la vittima sarebbe stata tenuta in condizioni «intollerabili»

Pamela Giacomarro

I suoi video erano diventati virali. Migliaia di visualizzazioni su Youtube e condivisioni sui social network. Maria Caruso - 42enne originaria di Erice, meglio conosciuta come Maria di Trapani - aveva raggiunto la notorietà grazie al programma Stranamuri sicilianu. Il conduttore Alberto Lipari, però, si trova adesso nei guai. Il dottor Stranamore in salsa siciliana è finito infatti sotto processo, di fronte al giudice monocratico di Marsala, Lorenzo Chiaramonte. Insieme a lui è chiamata a rispondere di maltrattamenti anche la sua assistente Rosalba Platano

Nel capo d’imputazione si legge che i due «in concorso tra loro, dopo avere fatto acquistare a Maria Caruso una certa popolarità, averla convinta a seguirli in giro per i locali della Sicilia per fare serate di promozione con la falsa promessa di guadagni, approfittando anche delle sue condizioni di deficit cognitivo, per un mese, la tenevano reclusa in una stanza presso un’abitazione di Marsala». 

Nella città del Trapanese, la donna sarebbe stata «costretta a espletare i propri bisogni in una pentola e privata dei presidi igienici più elementari». Tra le accuse anche quella di aver mal nutrito e dileggiato la 42enne. Ma ci sarebbero stati anche forme di violenza. «Quotidianamente percossa dai figli della stessa Platano», scrivono i magistrati. 

Per l’accusa, successivamente, Caruso sarebbe stata ospitata anche in un’abitazione del villaggio Kartibubbo di Mazara, di proprietà della Platano, dove, oltre a subire analoghe vessazioni, avrebbe anche svolto le pulizie di casa. Per poi la sera invece, continuano i magistrati, essere «agghindata e trascinata presso vari locali per serate promozionali, per le quali non le veniva mai consegnato alcun tipo di compenso, che veniva sempre incassato dal Lipari e dalla Platano». 

Maltrattamenti, scrive il gup Amato nel decreto di rinvio a giudizio, che a Caruso «rendevano di fatto intollerabile la normale vita quotidiana». La donna, assistita dagli avvocati Donatella Buscaino e Natalia Dispinseri, si è costituita parte civile nell’ambito del procedimento. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×