Wind Jet, incertezza sui crediti dei lavoratori Rimpallo di responsabilità tra azienda e Inps

«Siamo stanchi di quest’odissea». La vicenda che lega i lavoratori di Wind Jet alla compagnia aerea siciliana è ancora senza una soluzione. Soprattutto, senza un lieto fine. I velivoli non volano più da quasi cinque anni, ma per gli ex dipendenti le disavventure non sono ancora finite. Arrivato per loro il licenziamento collettivo nel giugno dello scorso anno, sono diventati finalmente esigibili i crediti residui relativi al trattamento di fine rapporto e agli stipendi non percepiti. Ma solo sulla carta. Nella realtà, sono mesi che in centinaia fanno la spola tra i vari uffici dell’Inps, tra moduli, documenti da compilare e presentare. La maggior parte di loro ha ricevuto solo risposte vaghe, ma niente soldi.

«Ad oggi non conosciamo le reali cause per cui la maggior parte delle nostre pratiche sono inevase e alcune lo sono solo parzialmente, e perché il Tfr maturato durante la cassa integrazione straordinaria sia, a detta dell’Inps, addirittura impagabile», scrivono i lavoratori in una nota condivisa sui i social in queste ore. Dopo il licenziamento avrebbero dovuto, infatti, percepire il tfr maturato prima del 2007 (anno in cui è cambiata la legge sui fondi pensionistici) e gli stipendi arretrati, erogati dal fondo di Garanzia Inps, e ancora il tfr post 2007, erogato dal fondo di Tesoreria, e infine il tfr maturato durante la cassa integrazione.

Ad oggi le domande relative alle prime due tipologie di crediti sono state evase solo in pochi casi, e in molti di questi le spettanze sono state decurtate di oltre il 50 per cento. «Inps afferma di doverci solo la parte prevista dal concordato – racconta l’ex assistente di volo Silvia Lo Re, che è tra i lavoratori che non hanno ancora ricevuto alcun pagamento – e questo trova riscontro in alcune sue circolari, ma non ci sono riferimenti normativi e sono mesi che continuiamo a fare domande senza avere risposte certe». 

La maggior parte delle domande è comunque inevasa. A questa situazione si aggiunge il problema legato al tfr maturato durante i quattro anni di cassa integrazione a cui si accede con una procedura diversa. «L’azienda dice di aver inviato le domande, ma nessuno ha un numero di protocollo – spiega Lo Re – Inps dice che questo tfr non può essere versato per via di contributi non corrisposti da parte della Wind Jet. Non sappiamo – aggiunge l’ex dipendente – se questo è vero, né se un’azienda in concordato liquidatorio è tenuta a versarli. Di sicuro – sottolinea – se c’è un problema tra Inps e Wind Jet questo non ci dovrebbe riguardare, e soprattutto non dovremmo subirne noi le conseguenze». Dall’Inps gli ex dipendenti hanno avuto solo risposte verbali su un contenzioso esistente tra l’ente previdenziale e la società in concordato preventivo. «E ne devono pagare le conseguenze i dipendenti?», si chiedono nella nota, dove viene richiamato il principio di automaticità sancito nell’articolo 2116 del codice civile, secondo cui il tfr in cassa integrazione rientra tra le prestazioni previdenziali «dovute al lavoratore, anche quando l’imprenditore non ha versato regolarmente i contributi dovuti alle istituzioni di previdenza e assistenza».

Inoltre, che le pratiche siano bloccate lo hanno saputo per passaparola. Chi ha avuto i pagamenti li ha avuti senza spiegazioni. Non si capisce perché alcuni – pochi – abbiano percepito per intero il tfr pre e post 2007 e gli stipendi arretrati, né perché altri abbiano ricevuto il 48 per cento circa delle somme dovute, mentre la maggior parte degli ex dipendenti non abbia ancora visto un euro. I criteri usati restano un mistero e chi ha avuto qualche soldo deve di certo ringraziare il caso o la fortuna. Chi sta ancora aspettando, inoltre, non ha nulla a cui appigliarsi. Se non c’è alcun documento in cui l’Inps ufficialmente gli nega i crediti, non c’è alcuna via legale da adire e nessun modo ufficiale per poter reclamare i propri diritti. Per questo, al momento, l’unico modo di farsi sentire è un appello sui social e un appuntamento annunciato per andare in massa a richiedere per l’ennesima volta spiegazioni al funzionario dell’ente previdenziale, sperando che cambi qualcosa. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]