Walter Tobagi. Una presenza da far fuori

Una di quelle morti atroci e assurde per difendere la libertà di parola. La propria libertà di esprimere e mettere in luce fatti da ignorare per non rischiare la vita. Cosa farebbe un vero giornalista? Chiunque, ma soprattutto un giornalista, pagherebbe con la propria vita la rivelazione di verità taciute da tanti per paura e omertà? Ce chi l’ha fatto coraggiosamente, chi ha pagato per la propria onestà. Walter Tobagi è uno di questi.

 

Non tutti sanno chi era, cosa faceva e cosa diceva. Chi era Tobagi? Un giornalista e ricercatore universitario che ha lavorato per “L’Avanti”, “Avvenire” e per il “Corriere della sera”, che si occupava di tutto e a cui non sfuggiva niente, anche se il suo interesse primario era rivolto ai temi sociali, all’informazione, alla politica e al movimento sindacale. Tobagi, più che un comune giornalista da ufficio stampa, era un cronista lucido della realtà dei fatti, e non riusciva a rimanere indifferente di fronte alla lotta armata degli anni di piombo e ai morti. Si dedicò maggiormente alle vicende del terrorismo fascista e di sinistra seguendo tutte le intricate cronache legate alle bombe di piazza Fontana, alle “piste nere” in cui erano implicati Valpreda, Pinelli, Merlino oltre ai fascisti Freda e Ventura, e si interessò a lungo anche di altre vicende come la morte misteriosa di Giangiacomo Feltrinelli e l’assassinio del commissario Calabresi sino al delitto Moro. Si interessò in particolare alle prime iniziative militari delle Brigate Rosse, ai covi terroristici scoperti a Milano, alla guerriglia urbana che provocava rivolte e morti per le strade del capoluogo lombardo, organizzata dai gruppi estremisti di Lotta continua, Potere operaio, Avanguardia operaia.

 

Ma arriviamo a ciò che era veramente: più semplicemente era una presenza scomoda ed ingombrante per i terroristi delle Brigate Rosse nel panorama italiano degli anni di piombo. Dovevano farlo fuori: “Tobagi deve morire! Sì, è giusto, ma quando? Subito, perché sta pensando e non deve farlo. Sta parlando e non deve permetterselo. Eseguite!”.

Persone che pensano troppo come Tobagi non possono andare in giro scrivendo sui giornali fatti da tacere. Lui l’ha fatto, un semplice giornalista cattolico e socialista. Un giornalista-martire che denunciava i misfatti e dichiarava la verità. Quella verità che è meglio non svelare e tenere nascosta se non vuoi rimetterci la pelle. Una grande persona che ha messo a repentaglio la propria vita esclusivamente perché studiava, analizzava e ricercava la verità del suo tempo.

 

Ha cercato di conoscere a fondo quelli che poi sono stati i suoi assassini che lo minacciavano continuamente di morte, correndo il rischio sempre coscientemente, ogni giorno, pur di avvicinarsi a loro e comprendere le loro scelte estreme, terribili e sanguinose. E’ innegabile che egli avesse comunque paura da quando aveva scoperto che il suo nome era stato trovato in documenti di covi brigatisti come “obiettivo da colpire”, ma si era rifiutato di prendere particolari ed inutili precauzioni. Per questo suo metodo determinato di analizzare i fatti, per questo voler capire ad ogni costo, è stato ucciso, perché i terroristi colpiscono proprio chi cerca di capirli, chi con ragionamenti e analisi semina dubbi al loro interno e rivela fatti, altrimenti oscuri, alla società.

Aveva capito che il terrorismo era “il tarlo più pericoloso” per il nostro paese e sapeva che esso voleva distruggere la democrazia. Tobagi era divenuto un obiettivo, soprattutto perché era stato capace di capire e indagare più di altri. Per le BR era un avversario, e l’assassinio degli avversari per le BR era metodo essenziale della lotta politica.

 

Uno dei suoi sicari, rimesso presto in libertà, ha dichiarato: “Se ci avessero fermati quando usavamo le spranghe di ferro, non saremmo arrivati a sparare per uccidere”. Piccoli, giovani killer di appena 17 anni. Un’esecuzione feroce e velocissima con cui un commando brigatista ha fatto fuori colui che era considerato dagli stessi terroristi “il terrorista di Stato Walter Tobagi”. La sera prima di essere assassinato, Tobagi aveva presieduto un incontro per parlare del caso Isman, giornalista del “Messaggero”, catturato perché aveva pubblicato un documento sul terrorismo. Aveva parlato a lungo della libertà di stampa, della responsabilità del giornalista di fronte all’offensiva delle bande terroristiche, problemi che aveva studiato per anni e che conosceva a fondo. Aveva pronunciato frasi come: “Chissà a chi toccherà la prossima volta” e dopo pochissime ore arrivò quel momento fatale. Toccò a lui. Tobagi ha tradotto nella pratica quotidiana la sua massima deontologica della professionalità giornalistica “Poter capire e voler spiegare” e nel frattempo affermava: “La sconfitta politica del terrorismo passa attraverso scelte coraggiose”.

 

Questo non vuole essere solo un elogio per Walter Tobagi, perché lui non è stata la prima vittima e neanche l’ultima, basti pensare ai giornalisti uccisi di recente in Iraq.

Ricordare la sua morte oggi, dopo 25 anni da quel lontano ma fondamentalmente vicino 28 maggio, è necessario per difendere i diritti di coloro che fanno il proprio mestiere con tenacia e onestà, e per tutte le vittime di vecchi e nuovi terrorismi.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]