Voci insistenti sul commissariamento di Librino In prefettura si discute della sesta municipalità

Non smentiscono né confermano, ma hanno letto «con grande attenzione» i nomi degli otto consiglieri (comunali e circoscrizionali) citati nella relazione della commissione regionale antimafia. «Non c’è ancora nessun atto formale», ma la voce che si sia discusso di un commissariamento della sesta municipalità da parte della prefettura di Catania sembra trovare fondamento. La circoscrizione – che raggruppa insieme i quartieri di Monte Po, San Giorgio, Librino, Zia Lisa e San Giuseppe La Rena – è presieduta da Lorenzo Leone (Articolo 4), uno dei tre nomi principali analizzati dai deputati regionali. Gaetano Leone, fratello di Lorenzo, è stato arrestato nel corso dell’operazione antimafia Arcipelago del 2001 perché esattore del pizzo per il clan Santapaola.

Librino è il quartiere più citato all’interno del documento elaborato dagli onorevoli di Palazzo d’Orleans, che hanno inviato le 17 pagine alla commissione nazionale antimafia. I deputati romani le hanno esaminate proprio nel giorno in cui è stato ascoltato il sindaco di Catania Enzo Bianco. Nel quartiere alla periferia sud di Catania la voce della possibilità di commissariamento circola da tempo. «Allo stato attuale è un’ipotesi che potrebbe verificarsi, ma potrebbe accadere anche il contrario», dicono dalla prefettura. E rimandano ai prossimi giorni per informazioni più certe. Di certo c’è che, per arrivare a questa decisione, è necessario che si sia in presenza di influenze dimostrate. L’ultimo precedente, in ordine cronologico, è il commissariamento del municipio di Ostia, a Roma.

Nel testo dell’Ars il nome di Librino ricorre, oltre che nel caso di Leone, in altre due circostanze. Rispetto alle quali, però, «è stato più difficile rilevare riscontri significativi», scrivono i componenti della commissione antimafia regionale. Si tratta dei riferimenti a Salvatore Spadaro (Primavera per Catania) e Salvatore Giuffrida (Tutti per Catania). Spadaro, eletto con 766 voti, è stato uno dei più votati di Librino. Nel quale era già stato consigliere per il Popolo delle libertà dal 2008 al 2011. Giuffrida, invece, è il consigliere comunale con il più alto numero di preferenze arrivato a Palazzo degli elefanti. Dei suoi 1865 voti, mille sono stati raccolti in soli tre seggi. «Una relazione poco seria», sostiene Giuffrida. E Spadaro rincara la dose: «Siamo discriminati perché abbiamo preso voti nelle periferie – sostiene – Ho una proposta: perché non togliamo il voto a tutti i residenti di Librino? Così forse sono più contenti». Altro nome coinvolto nella relazione e legato alla sesta municipalità è quello del consigliere comunale Riccardo Pellegrino, fratello di Gaetano Pellegrino, detto u funciutu considerato uno degli uomini più fidati del boss Nuccio Mazzei, capo dei Carcagnusi.

Il coinvolgimento nel documento dei tre consiglieri e del presidente della circoscrizione ha stupito i colleghi che operano sul territorio. «Il presidente fino a oggi ha lavorato alla perfezione e Riccardo Pellegrino è meglio di me, così come Giuffrida e Spadaro», commenta Mauro Massari, consigliere di centro-destra della sesta municipalità e finanziere di professione. «Leone fa politica da vent’anni e mai nessuno gli ha contestato niente», aggiunge. Secondo Massari, un eventuale commissariamento sarebbe immotivato: «Le municipalità catanesi non sono come i municipi di Roma che gestiscono bilanci – spiega – Le nostre segnalazioni riguardano l’erba da tagliare e nemmeno quello otteniamo». Dello stesso parere la collega Carmela Vinciguerra (Il megafono): «Leone è un lavoratore, io lo ammiro molto. Sono alla prima esperienza politica e amministrativa e per me stiamo lavorando bene – interviene – Una cosa che riguarda la famiglia e non lui può compromettere tutto quello che ha fatto?». Più sbrigativo il consigliere Pd Giovanni Cannavò che, raggiunto al telefono alle 21, risponde: «Non so niente, ho lavorato tutto il giorno a lavoro. Vi saluto, buongiorno».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Tra gli otto nomi di consiglieri etnei citati dalla commissione regionale antimafia, c'è anche Lorenzo Leone, presidente della circoscrizione a sud di Catania. Non l'unico caso che riguarda il quartiere satellite e che avrebbe attirato l'attenzione delle istituzioni: «Al momento è un'ipotesi, ma ancora nessun atto formale»

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]