Vittoria, assolto imprenditore agricolo accusato di stupro Legali: «Dimostrato che non avrebbe potuto violentarla»

Era un impianto accusatorio non semplice da smontare, ma il collegio difensivo formato dagli avvocati Giovanni Mangione e Salvatore Minardi è riuscito a dimostrare l’innocenza di Salvatore Nicosia, l’imprenditore agricolo vittoriese di 70 anni arrestato il 22 aprile 2015 dai carabinieri con le accuse, pesantissime, di sequestro di persona aggravato e violenza sessuale continuata nei confronti di una dipendente romena. L’uomo è stato assolto – in primo grado – perché il fatto non sussiste dal tribunale di Ragusa, mentre l’accusa aveva chiesto per l’uomo la condanna a sette anni. La donna aveva denunciato un incubo a suo dire durato nove anni e iniziato nel 2006, quando, da poco giunta in Italia e con sei figli da mantenere, aveva trovato lavoro in un’azienda agricola. Il comportamento di Nicosia, stando al suo racconto, era diventato in poche settimane autoritario, prevaricatore e violento, fino a sfociare in ripetute violenze sessuali e in gravidanze che era stata costretta a interrompere.

«Siamo riusciti a dimostrare che la donna non era attendibile – commenta l’avvocato Salvatore Minardi – e che si era cercata come testimone un amico rumeno che si è poi contraddetto in fase di incidente probatorio. Aveva parlato anche con un prete ortodosso di Ragusa Ibla, che, in buona fede, per aiutarla si era rivolto ai carabinieri. Anche lui ha poi capito di essere stato preso in giro, utilizzato da lei al solo scopo di ottenere un risarcimento danni». Il legale va avanti spiegando quali passaggi sarebbero stati alterati dalla presunta vittima. «Ai carabinieri aveva detto di essere segregata, invece quando loro hanno fatto irruzione nell’azienda l’hanno trovata che lavorava in un clima totalmente sereno – prosegue Minardi -. Nicosia aveva tutti i dipendenti in regola, quindi non c’era neanche paura di eventuali blitz. Dipendenti ed ex dipendenti dell’azienda agricola hanno dichiarato che lei era una specie di capo, di leader, una donna molto forte, tutt’altro che remissiva: un’immagine molto diversa da quella della vittima che ha voluto delineare».

I legali Mangione e Minardi sono inoltre riusciti a dimostrare che, dal 2005, Nicosia ha avuto uno stato depressivo e problemi di salute tali da rendere impossibile la possibilità di violentarla, come la donna aveva denunciato. «La donna – sottolinea Mangione – era solita mancare per alcuni periodi durante l’anno per tornare in Romania. Nel 2008 si è assentata un anno intero, ma quando l’abbiamo interrogata si è contraddetta, dicendo che le violenze non si erano fermate nemmeno quell’anno. In più ha affermato di non ricordare nulla del primo aborto, neanche dove l’ha fatto. Tutte cose che, messe insieme, hanno minato la sua credibilità e su questo abbiamo costruito la difesa. Da tutto questo terremoto Nicosia è uscito a testa alta, noi gli abbiamo creduto sin dal primo momento e siamo stati sicuri della linea difensiva da percorrere. Adesso aspetteremo le motivazioni della sentenza – conclude Minardi – poi decideremo se procedere nei confronti della donna per calunnia».

A commentare la conclusione del processo è anche l’avvocata Simona Cultrera, legale della donna. «Accettiamo senza problemi questa sentenza – dichiara a MeridioNews -. Qualche dubbio penso che i giudici lo abbiano avuto, ma alla fine evidentemente sono stati di più gli elementi che hanno fatto propendere per l’assoluzione. Attendiamo ora le motivazioni per capire come muoverci e se andare avanti o meno, bisognerà anche capire cosa deciderà la procura». Sulla propria assistita la legale ha aggiunto: «La signora è delusa ma serena. Se è rimasta in quell’azienda è perché aveva bisogno di quel lavoro, ha sei figli e, all’epoca dei fatti, solo una era maggiorenne». Oggi la donna vive da tutt’altra parte. «Inizialmente era andata in Romania, poi è tornata in Sicilia ma oggi – conclude – sta e lavora fuori dalla provincia iblea».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Salvatore Nicosia era stato arrestato nel 2015, con l'accusa di avere abusato per anni di una dipendente. La donna sarebbe stata costretta ad abortire quattro volte. Ma mentre la procura ha chiesto una condanna a sette anni, il giudice ha deciso per l'assoluzione perché il fatto non sussiste. A MeridioNews parlano gli avvocati delle due parti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]