Violenza donne: vittime assunte ma solo se sfregiate in viso. «Legge discriminatoria». La Vardera: «Poche le risorse»

Una norma che rischia di avere l’effetto di un boomerang. È quella inserita nella legge finanziaria della Regione Siciliana con la quale si prevede l’assunzione con chiamata diretta, da parte delle pubbliche amministrazioni, degli orfani dei femminicidi e delle donne vittime di violenza che hanno riportato «una deformazione o uno sfregio permanente del viso». Dettaglio, quest’ultimo, che per molti farebbe passare un messaggio sbagliato e che etichetterebbe la violenza sulle donne soltanto a qualcosa di pienamente visibile. A chiedere una audizione urgente alla commissione Sanità all’Assemblea regionale siciliana, presieduta dal leghista Giuseppe Laccoto, sono i sindacati Cgil, Cisl e Uil. «Si tratta di una legge fatta male», spiega a MeridioNews Gabriella Messina, segretaria regionale confederale della Cgil Sicilia. «Non ci convince così come è scritta la norma. Questo perché la parte destinata alla donne vittime di violenza è limitata soltanto a chi subisce uno sfregio. Diventa sostanzialmente una legge discriminatoria perché lascia fuori chi non ha un segno evidente di violenza».

La norma, inoltre, sarebbe in contrasto con la convenzione di Istanbul sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e la violenza domestica. Documento adottato dal Consiglio d’Europa l’11 maggio 2011 e ratificata in Italia con una legge del 2013. «In questo testo – aggiunge Messina – si equipara la violenza psicologica a quella fisica. Per questo motivo la legge regionale introduce una discriminazione inaccettabile sulla base del tipo di danno. Crediamo che questa norma si stata adottata sulla spinta emotiva del momento senza avere piena contezza del fenomeno». La Sicilia nel 2023 è stata una delle regioni in cui si sono registrati più femminicidi.

Il problema però non riguarderebbe soltanto la norma. «In Sicilia denunciamo da tempo l’assenza di un monitoraggio sulle donne vittime di violenza – continua Messina – Non è stato istituito l’osservatorio regionale, nato con una legge del 2012. Inoltre dal 2020 a oggi non è mai partita la cabina di regia. Strumenti che aiuterebbero ad avere interventi strutturali». A respingere ai mittenti le critiche è tuttavia Ismaele La Vardera, deputato regionale di Sud chiama Nord e autore dell’emendamento con il quale sono state equiparate le donne vittime di violenza alle vittime di mafia, aprendo loro la possibilità di assunzione con chiamata diretta. «Il tema è uno – spiega a MeridioNews le risorse dello Stato non sono infinite. Aprire questa maglia è stata una prima vittoria, non significa che ci fermeremo qua. La maglia era troppo ampia se mettevamo in questa situazione tutte le donne vittime di violenza. Il tema ricalca quello in discussione alla Camera, a Roma, dove si pensa di inserire le vittime che hanno subito uno sfregio in viso come categoria protetta. Queste persone al momento non godono di nessuna tutela finanziaria e abbiamo deciso di iniziare anzitutto da questa categoria».


Dalla stessa categoria

I più letti

Una norma che rischia di avere l’effetto di un boomerang. È quella inserita nella legge finanziaria della Regione Siciliana con la quale si prevede l’assunzione con chiamata diretta, da parte delle pubbliche amministrazioni, degli orfani dei femminicidi e delle donne vittime di violenza che hanno riportato «una deformazione o uno sfregio permanente del viso». Dettaglio, […]

Una norma che rischia di avere l’effetto di un boomerang. È quella inserita nella legge finanziaria della Regione Siciliana con la quale si prevede l’assunzione con chiamata diretta, da parte delle pubbliche amministrazioni, degli orfani dei femminicidi e delle donne vittime di violenza che hanno riportato «una deformazione o uno sfregio permanente del viso». Dettaglio, […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]