Via Crociferi, topi morenti in una busta accanto a La Tosteria Il nodo pedonalizzazione: «Dal Comune solo supercazzole»

In via Crociferi c’è chi può e chi non può. C’è chi può davvero usufruire della zona classificata come pedonale nel 2012, con tanto di paletti dissuasori, poi espiantati e sostituiti con alcune fioriere, e c’è chi invece si trova a fare i conti con il traffico veicolare, il parcheggio selvaggio, i parcheggiatori abusivi e il continuo viavai dei furgoni dei fornitori. E perfino con un sacchetto di spazzatura con dentro dei topi vivi sommersi dalla colla lasciato sul ciglio della strada, a pochi metri dal laboratorio di Giorgia Proto, titolare de La Tosteria, un piccolo laboratorio artigianale in cui si panifica pan carrè per trasformarlo in toast. Questa è solo l’ultima questione con cui Proto si ritrova a dovere fare i conti. In passato, anche la vetrina del locale era stata spaccata. «Vedere quegli animali che stavano per morire, prima di tutto spezza il cuore», racconta l’imprenditrice a MeridioNews. Il punto, però, è ben oltre la sofferenza dei ratti. «Si tratta di animali vivi e infestanti che qualcuno ha lasciato per strada con il rischio che ci vadano di mezzo bambini e altri animali». 

I problemi della zona sono noti da anni, anche alle istituzioni e alle forze dell’ordine. «All’angolo tra via Crociferi e via Cerami, fino a qualche tempo fa si creava una discarica perché in molti depositavano lì i propri rifiuti – racconta Proto – Siamo riusciti a parlare con la gente e li abbiamo fatti smettere, ma con una persona è impossibile». Il riferimento sarebbe proprio a chi ha abbandonato il sacchetto con i topi. «Più volte abbiamo segnalato la signora alla polizia ambientale ma continua», lamenta la titolare del locale. Questo, però, è solo l’ultimo di una serie di episodi che fanno propendere per l’idea che La Tosteria e i continui appelli per rendere pedonale una zona che dovrebbe esserlo da tempo, non piacciano a tutti. «Vivo da anni un problema di parcheggi, parcheggiatori abusivi e transito veicolare – spiega – in totale spregio della zona pedonale». Per questi motivi la donna ha deciso di intraprendere una battaglia quotidiana contro l’inciviltà

Catanese di origine, per un periodo Proto ha vissuto a Milano dove ha intrapreso una carriera nel settore farmaceutico. Decisa a cambiare vita, per realizzare il suo sogno è tornata nella sua città per aprire uno street food. Ma il sogno si è trasformato presto in un incubo quando, dopo un ingente investimento per ristrutturare la bottega, ha dovuto fare i conti con l’inciviltà, i favoritismi e la logica del “iu sugnu ca da sessant’anni, tu arruasti ora” (Io sono qui da sessant’anni, tu sei arrivato adesso). «Ho scelto di avviare qui la mia attività perché consapevole che fosse un’area pedonale – spiega – Ma lo è solo sulla carta: i paletti dissuasori sono spariti – continua l’imprenditrice – Abbiamo fatto innumerevoli segnalazioni e anche una raccolta firme protocollata all’ufficio traffico urbano per chiudere il transito da via Sant’Elena, ma non abbiamo ricevuto nessuna risposta, se non supercazzole». 

«Non si capisce come questa delibera non venga rispettata – si chiede – nonostante la raccolta firme per installare i paletti in via Sant’Elena, qualcuno ha deciso di chiudere l’accesso da via Sangiuliano che è l’unica larga, e io mi ritrovo con un doppio senso di marcia in una zona più antica e più stretta che dovrebbe essere pedonale». Anche in questo caso, come lamentato dai comitati cittadini in città così come in periferia, mancherebbero i controlli. «I vigili non multano il transito e il risultato è un continuo viavai, soprattutto la sera. Qualche giorno fa, stavano investendo una signora con il passeggino». Criticità già note alle cronache «Io – conclude Proto – ho deciso di investire in una zona pedonale e mi ritrovo in una strada stretta e a doppio senso di marcia, sinceramente mi sento truffata». 


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]