Via Crociferi, quel ponte abusivo sulla storia Tra novizie e storie di cavalli senza testa

Due volte s’incontran, le bianche e le nere, sul ponte,
sul ponte che unisce i conventi,
li unisce da tanto per vecchia amicizia,
le piccole torri si guardan ridenti
una bianca una nera,
le suore s’incontran la sera
la sera al crepuscolo.
(Aldo Palazzeschi)

Il primo caso di abusivismo edilizio della Catania barocca? L’Arco delle Benedettine. A partire dal sisma del 1693, a Catania avvenne una vera rivoluzione urbanistica: le ampie strade sostituirono vicoli e cortiletti. Anche l’antica via Crociferi, ingombrata dalla fine del XIV secolo dal convento di San Benedetto, venne allargata e il vecchio corpo di fabbrica demolito. Le monache si opposero, ma ricostruire sopra la strada sarebbe significato incappare in una gravosa penale. Così nasce la leggenda dell’Arco delle Benedettine.

Il piano urbanistico prevedeva una particolare tassa: ciò che veniva eretto durante il giorno andava dichiarato e tassato. In questo modo si garantiva un certo controllo dell’edilizia e l’applicazione del piano regolatore. La tradizione vuole che le astute suore riuscirono a eludere la normativa con un semplice stratagemma: eressero un ponte che univa le due parti del convento in una sola notte, non incappando più nella tassa, poiché il ponte era già lì.
In una sola frase, uno dei primi casi di abusivismo edilizio di Catania.
In realtà è molto più probabile che le suore raggiunsero un compromesso con il senato civico, costruendo l’arco sì in tempi brevi, ma non certo in una notte. Ma questa è solo una delle tante storie che racconta questo singolare e affascinante edificio della Catania barocca.

Quella più celebre è forse quella del cavallo senza testa.
Nella Catania del Settecento i nobili che volevano usare la via Crociferi quale teatro delle loro tresche non ufficiali, per evitare che la via venisse frequentata da eventuali scomodi testimoni diffusero la diceria che a mezzanotte lungo la strada corresse il fantasma di un cavallo senza testa. Il popolino credulone e scaramantico si impaurì facilmente e i nobili poterono nottetempo continuare le loro vicende amorose. Ma un popolano volle dimostrare che erano solo storie, avventurandosi coraggiosamente nella buia strada nei minuti intorno alla mezzanotte. Avrebbe testimoniato la falsità della storia e provato la bontà del suo racconto piantando un chiodo sotto l’Arco, dimostrando così di esser stato davvero in quei luoghi.

Echi di amoreggiamenti diventavano sospiri di fantasmi e ombre fugaci sembravano spettri nel buio. Intimorito dal cupo luogo piantò di fretta il chiodo. «Tum! Tum!» risuonava spettrale il mazzuolo.
Ansimante e ansioso l’uomo fece per andarsene, ma si sentì tirare la veste: più provava a fuggire, più veniva strattonato. Si voltò per sapere chi lo tratteneva. Non vide nessuno. Ebbe un infarto e spirò.
L’indomani, alle prime luci del giorno, il cadavere venne ritrovato disteso a terra, ma la sua mantellina impigliata al di sotto del chiodo che lui stesso piantò.
Quello, c’è da aggiungere, non fu il solo tentativo: ancora oggi infatti l’arco presenta segni e resti di chiodi lasciati da altri avventurieri che fecero miglior fine, facendo esplodere la moda dei lucchetti di Ponte Milvio secoli prima che lo stesso Moccia nascesse.

Un’altra storia merita di essere raccontata, quella delle grate in ferro che sporgono dal Ponte.
Nel Settecento come oggi la processione di Sant’Agata passava sotto l’Arco. Un momento di festa e di sfrenatezza. In questa occasione, i rampolli della Catania bene si organizzavano con scale in legno e, approfittando della confusione, si introducevano nel convento a insidiare le novizie.
Così, per salvare l’integrità delle fanciulle da un lato e permettere loro di continuare a osservare dal ponte la festa, all’architetto Gian Battista Vaccarini fu affidato il delicato compito di inventare una inferriata che risolse la situazione, di fatto sopprimendo un momento di baccanale trascinato chissà da quanto tempo, in questa città ricca di memorie più o meno dignitose.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]