Verdena – Requiem

VERDENA – REQUIEM (2007, Black Out / Universal)

TRACKLIST: 
01 Marti In The Sky 
02 Don Calisto 
03 Non prendere l’acme, Eugenio 
04 Angie 
05 Aha 
06 Isacco Nucleare 
07 Caños 
08 Il Gulliver 
09 Faro 
10 Muori Delay 
11 Trovami un modo semplice per uscirne 
12 Opanopono 
13 Il caos strisciante 
14 Was? 
15 Sotto prescrizione del Dott. Huxley

Te la sbattono dritta in faccia la nuova/vecchia realtà i Verdena, te lo spiattellano già in copertina che, dopo la – breve – parentesi de “Il Suicidio Dei Samurai” (2004), la band torna ad essere un trio e non più un quartetto. A farne le spese, ovviamente, il poli-strumentista Fidel Fogaroli, a dirla tutta mai pienamente integrato nei meccanismi (anche live) della band. Rigiri quindi la custodia di Requiem, quarto album in studio per la formazione bergamasca, dai un’occhiata alla tracklist e, sorpresa, ben quindici titoli fanno capolino in un rosso sgargiante. Caspita, pensi, chissà cosa avranno tanto da “dire” i Verdena per arrivare ad incidere un album così lungo. Ma dopo un primo e rapido ascolto, l’arcano è subito svelato: ben quattro delle quindici tracce sono delle strumentali, l’opener Marti In The Sky fa da intro, mentre le altre tre (Aha, Faro e Opanopono) fungono da intermezzi rumoristici. Ed il novero dei pezzi da esaminare scende così ad undici, numero decisamente più congruo per un album rock.

Un album “più rock” per la precisione. Sì, perché, dopo due lavori come “Solo Un Grande Sasso” (2001) ed “Il Suicidio Dei Samurai”, in cui pezzi dall’elevato minutaggio erano inzuppati di psichedelia lisergica, in “Requiem” (a parte due tracce, Il Gulliver e la conclusiva Sotto Prescrizione Del Dott. Huxley) i Verdena tornano un po’ alle origini dell’album omonimo, inserendo però qua e là una serie di elementi che rendono il sound più corposo e maturo di quello giovanile ed acerbo del disco d’esordio. E così, accanto a brani come la ledzeppeliniana Muori Delay (non a caso primo singolo estratto) o Isacco Nucleare, in cui batteria e chitarra pagano pegno ai maestri Melvins, scorgiamo anche episodi inediti per la band: vedi Caños, attraversata da chitarre mariachi che danno il meglio di loro nel gran finale del brano; vedi Trovami Un Modo Semplice Per Uscirne, soffice, cantautorale come mai erano stati i Verdena, chitarra e voce ed una batteria appena accennata a fare da supporto; vedi, infine, il Mellotron di Angie o il piano Rhodes di Was?. Ci pensano quindi Don Calisto, Non Prendere L’Acme, Eugenio ed Il Caos Strisciante a riportare il tutto su sentieri già battuti. Venendo poi alle personali “prestazioni” dei tre, non può non notarsi come il basso di Roberta Sammarelli sia puntuale come sempre, mancando però adesso la sua presenza ai controcori, costante questa degli album passati; Luca Ferrari picchia sulle pelli alla sua maniera, e sembra avere imparato finalmente quando lasciare spazio alla morbidezza di una sei corde. Alberto Ferrari, invece, fa uno sforzo immane nello studiare e ricercare per le lirycs parole che facciano a pugni le une con le altre, impastandole e mordicchiandole con la voce fino a renderle per la maggior parte incomprensibili all’udito.

Ed insieme ai testi spiccano anche i titoli dei vari brani, i quali appaiono eccessivamente studiati a tavolino, forzati ed in definitiva poco convincenti; unica pecca, questa, per un album ed una band che ad ogni uscita discografica si dimostra sempre e comunque alla ricerca di nuove soluzioni. Intento già di per se lodevole.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]