UZEDA – STELLA (2006, Touch & Go / Wide)

TRACKLIST:
1 Wailing
2 What I Meant When I Called Your Name
3 This Heat
4 Time Below Zero
5 From The Book Of Skies
6 Camillo
7 Gold
8 Steam, Rain & Other Stuff

Rappresentanti italiani di quello stile/genere di matrice prettamente statunitense che, nel corso degli anni, ha assunto la denominazione di “noise”, i catanesi Uzeda si riaffacciano sul mercato discografico a ben otto anni di distanza da quel “Different Section Wires” (1998) considerato da molti l’apice della loro ormai ventennale esperienza artistica nonché di tutto un modo (a dirla tutta, circoscritto) di fare rock in Italia.

E lo fanno con Stella, otto tracce, una per ognuno degli anni di attesa, ed ognuna talmente intensa da potersi tranquillamente sobbarcare da sola il peso del tempo trascorso. Anche per questo nuovo capitolo della loro carriera, il quarto per la precisione, gli Uzeda hanno deciso di seguire gli insegnamenti impartiti illo tempore da Sonic Youth, Big Black e Shellac; e non è un caso se, dei tre mostri sacri citati, ben due (ma anche gli Youth c’hanno avuto a che fare) rispondono direttamente al nome di Steve Albini, guru del rock indipendente made in U.S.A. che, dopo l’album del ’98, in “Stella” lavora nuovamente con i quattro siciliani in veste di produttore e consigliere di fiducia. E la mano di Albini si sente forte in tutta la sua competenza, riuscendo a dare a “Stella” quelle sembianze grezze e soffocate che solo lui sa creare. Il continuum sonoro col precedente album è evidente, la sessione ritmica composta dal basso granitico di Raffaele Gulisano e dalla cruda batteria di Davide Oliveri va a formare, come da copione, la base viscerale su cui poggiano le abrasive schitarrate di Agostino Tilotta nonchè la voce di Giovanna Cacciola.

Se Gulisano e Oliveri la fanno da padroni in brani come What I Meant When I Called Your Name e Time Below Zero, mentre Tilotta dà libero sfogo allo stridere della sua sei corde nell’opener Wailing ed in From The Book Of Skies, è proprio il cantato della Cacciola a fungere da ideale filo conduttore del lavoro (così come dell’intera produzione a nome Uzeda): ansiosa, inquieta, caotica, esplosiva e furibonda nel suo incedere, la voce di Giovanna continua dopo un paio di decenni a non sfigurare al cospetto di ben più acclamate colleghe d’oltreoceano.

Alla luce di tutto ciò, della stima che nutriva nei loro confronti il compianto John Peel e del particolare, non irrilevante per una band italiana, che gli Uzeda incidono niente poco di meno che per la Touch & Go Records, ci si chiede ancora perché la critica nostrana si ostini a non tributare loro le dovute e meritate attenzioni.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]