Università di Palermo, concorsi per 316 posti «Rafforzeremo amministrazione e dipartimenti»

«L’Università degli Studi di Palermo vara il più importante piano di assunzioni di personale tecnico, amministrativo, bibliotecario e socio-sanitario della sua storia». Ad annunciarlo è lo stesso ateneo guidato dal rettore Massimo Midiri. Una delibera di programmazione prevede l’assunzione di 158 persone attraverso concorsi per categoria B, C, D, ed EP. Lo stesso documento prevede ulteriori 158 posizioni riservate al personale già in servizio e interessato alla possibilità di progressioni economiche verticali. 

«Le nuove immissioni di personale – dichiara Midiri – aumenteranno quasi del 15 per cento il numero di dipendenti dell’Ateneo e consentiranno di rafforzare e potenziare sia le attività dei dipartimenti sia quelle dell’amministrazione centrale. Si tratta di un impegno straordinario per l’Università di Palermo, in larga parte sostenuto da risorse dell’Ateneo, ma reso anche possibile dall’impiego di una quota rilevante del piano straordinario di potenziamento del personale universitario approvato il mese scorso con decreto della ministra Maria Cristina Messa». 

«La delibera – continua la nota di Unipa – permetterà anche di procedere alla stabilizzazione di personale precario in possesso dei requisiti previsti dalla legge Madia e di procedere ad un forte potenziamento dei laboratori scientifici e didattici, che saranno dotati di nuovo personale tecnico esperto e competente. Le nuove procedure saranno bandite con la massima celerità, auspicando l’immissione in servizio entro l’autunno del nuovo personale reclutato e procedendo immediatamente alle progressioni verticali per il personale in servizio».


Dalla stessa categoria

I più letti

Giustizia per Emanuele Scieri

Sono stati condannati i due ex caporali Alessandro Panella e Luigi Zabara. Finisce così il processo di primo grado con rito ordinario per l’omicidio volontario aggravato del parà siracusano Emanuele Scieri, avvenuto all’interno della caserma Gamerra di Pisa nell’agosto del 1999. Per loro il procuratore Alessandro Crini aveva chiesto rispettivamente una condanna a 24 anni e 21 anni, […]

Catania archeologica, l`occasione mancata

In una nota protocollata al Comune etneo a metà gennaio l'associazione di piazza Federico di Svevia chiede di gestire il bene del XII secolo, abbandonato, per garantirne «a titolo gratuito e senza scopo di lucro, la fruibilità». Adesso interrotta dal cambio del lucchetto del cancello da cui vi si accede e dalle divergenze con uno degli abitanti, che risponde: «C'era il rischio per la pubblica incolumità»

I processi a Raffaele Lombardo