Unict, «Economia e Impresa: studenti o numeri?» La protesta di un neo dottore in seduta di laurea

Singolare protesta in seduta di laurea ieri pomeriggio al dipartimento di Economia e Impresa dell’università di Catania. Dopo essere stato proclamato dottore, l’ormai ex studente Dario Giuffrida ha deciso di spogliarsi degli abiti da cerimonia scelti per l’occasione, per indossare una maglietta con su scritto: «Dipartimento di Economia e Impresa: studenti o numeri?». Sul retro, un codice a barre con sotto il numero di matricola.

Una protesta più simbolica che plateale che Giuffrida ritiene «necessaria dato il trattamento che ricevono gli studenti». Il giovane racconta di subire questi problemi da anni, ma ha atteso per manifestare per due motivi: evitare ogni tipo di ripercussione sulla propria carriera universitaria e avere una maggiore visibilità. «Ho deciso di aspettare – afferma – ma non potevo rinunciarci, per cui ho pensato di attendere il momento della proclamazione in cui non solo ci sono gli studenti e i docenti, ma anche tutti i parenti dei laureandi. Unict tratta male i suoi studenti e secondo me non è un caso se in molti decidono di continuare gli studi altrove».

Sono tante le mancanze che lo studente sottolinea, sia dal punto di vista umano e di disponibilità che dal punto di vista dei servizi che mancano. «Siamo trattati come numeri sia da parte dei docenti che del personale tecnico amministrativo – continua Giuffrida – Non riceviamo nessun rispetto, piuttosto regnano indisponibilità e maleducazione soprattutto da parte degli addetti alla segreteria». In generale ciò che manca, secondo il neo laureato, è un po’ di umanità nei rapporti, per cui tutto si riduce all’automatismo.

Si passa dalla superficialità di alcuni docenti alla loro scarsa disponibilità. «Ho fatto degli esami di Diritto tributario e l’assistente fumava la sua sigaretta elettronica in tutta tranquillità. L’ho percepito come una profonda mancanza di rispetto anche perché, se fosse accaduto al contrario, forse non avrei potuto neanche sostenere l’esame», spiega. Non solo. «Non c’è un minimo di rapporto con i professori a meno che tu non sia un loro adepto, un lecchino. Non c’è umanità nei confronti dello studente e la sensazione che ti trasmettono è quasi di sudditanza. Hanno bisogno di sentirsi importanti», dichiara il neo laureato.

Nell’era di internet accade poi che non sono molti i docenti che utilizzano regolarmente l’email per comunicare. Pochi, inoltre, gli avvisi sulla disponibilità reale dei professori per cui «a volte capita di fare un viaggio a vuoto perché il docente non c’è e non ha avvertito». Anche i servizi sembrano scarseggiare. «Non solo non ci trattano dignitosamente, non ci danno neanche i giusti strumenti», aggiunge Giuffrida.

«È vero che noi studenti spesso non contribuiamo al mantenimento del decoro e della pulizia ma, se posso accettare la mancanza di carta e del sapone nel pomeriggio perché finiscono, non vale lo stesso quando manca l’acqua. Il solo fatto di non potere tirare lo sciacquone e lavarsi le mani diventa un problema di igiene e di salute pubblica», continua il neo laureato. E non va meglio nei luoghi della didattica. «Molte volte ho dovuto seguire le lezioni seduto a terra perché non c’è abbastanza spazio per tutti. Hanno creato collegamenti in video-conferenza in altre aule, ma spesso ci sono problemi audio-visivi – dice Giuffrida -. Non ci sono inoltre laboratori ed esercitazioni per cui lo studio rimane in linea teorica. La mensa più vicina è in via Oberdan e, se vogliamo un caffè, dobbiamo affidarci alle macchinette che sono solo due in tutto il plesso» dichiara.

«La mia lamentela non nasce per giustificare una carriera negativa, perché non ritengo tale il mio curriculum universitario», dice il neo dottore. «Non sono uno studente eccellente, ma nemmeno uno pessimo – conclude – Mi ritengo nella media e così avrei preferito essere trattato».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]