Un’estate senza mare. Ma che fine hanno fatto i solarium?

Giugno: l’estate è ufficialmente iniziata. Il nostro caro Monastero dei Benedettini è sempre meno frequentato; le lezioni sono finite, e le grandi aule sono rimaste vuote. Qualcuno si appresta ad un lungo e riposante periodo, avendo lavorato sodo tutto l’inverno; qualcun altro, invece, inizia a studiare solo adesso; in ogni caso c’è qualcosa che ci accomuna tutti: soffrire il caldo.
Lunghe, calde e soleggiate mattine si susseguono ormai da qualche settimana; con giornate così belle vien proprio voglia di andare al mare!
Il problema però è che quest’anno, al Comune, sembrano tutti essersi dimenticati di noi poveri cittadini amanti del mare. Ma dove sono finiti i Solarium?
Né a Piazza Europa né ad Ognina sembra esserci una sola passerella, una sola piattaforma, niente. Solo scogli ed un po’ di spazzatura. L’unico punto di balneazione più o meno agibile è, tutt’ora, la piccola spiaggia di S. Giovanni Li Cuti che, fortunatamente, riesce a contenere qualche centinaio di persone, pur essendo ancora priva di docce, cabine spogliatoio e passerelle per la discesa a mare.

Ho deciso di indagare sulla questione e mi sono rivolto, da buon cittadino, all’Ufficio Relazioni con il Pubblico. Come a volte succede in questi casi, sembrava che gli impiegati a cui mi rivolgevo giocassero a “scarica-barile”; infatti dall’Urp, dopo qualche minuto, ho ottenuto il numero di telefono del Bureau Turismo. Nonostante il nome sembrasse una garanzia, dopo altri lunghi minuti, impiegati per spiegare ad un funzionario amministrativo chi ero, cosa volevo, e da chi avevo avuto il loro numero, tutto quello che ho ottenuto è stato un altro numero di telefono: Assessorato alle opere pubbliche. Anche qui mi dicono di non potermi aiutare, però, dopo qualche insistenza, riesco addirittura ad ottenere il numero di cellulare di uno degli ingegneri che si occupano dei progetti.

L’ingegnere (che ha preferito rimanere anonimo) ha risposto chiaramente alle mie domande, forse con troppa sincerità: la Giunta comunale si è finora occupata soltanto dell’“ordinaria amministrazione” e cioè dell’appena conclusa campagna elettorale, la quale, oltre ad assorbire completamente il tempo di Sindaco ed Assessori, sembra abbia fatto esaurire anche gran parte dei fondi del Comune.
I lavori di apertura dei Solarium, vengono considerati come “straordinaria amministrazione” e, nei prossimi giorni, la Giunta si riunirà per decidere se approvarne o meno la delibera; successivamente, il Comune darà il via alla gara d’appalto. I lavori di allestimento delle piattaforme e dei relativi servizi, inclusi i punti ristoro, impiegheranno poco più di trenta giorni e, sperando non sorgano eventuali difficoltà, potremo usufruire dei Solarium a partire dalla seconda metà di luglio.

Sembra proprio che ci tocchi aspettare e resistere, almeno per tutto il mese di giugno, ed avventurarci tra gli scogli per poter fare il bagno. Privi di distrazioni mattutine, per molti di noi potrebbe essere l’occasione giusta per studiare di più, ed approfittare degli appelli estivi; sembra proprio che il Comune voglia così.


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]