Una sera con i Diane and the shell

Una bottiglia di Barnetti, economica imitazione del Martini, e trascorriamo la serata allegramente, in compagnia dei Diane and the Shell, band catanese, discutendo di musica, della loro musica e di Catania, culla di geniali individualità sonore. Hanno all’attivo un album, “The red Ep”, pubblicato nel Febbraio del 2004 e già stanno lavorando per il prossimo che potrebbe chiamarsi “Firefly in the pine”. Alessandro Munzone (batteria), Giuseppe Schillaci (basso), Luca Siracusa (chitarra) e Manuel Venezia (chitarra/piano), il 9 Luglio prossimo suoneranno al Monastero dei Bendettini nell’ambito della manifestazione “Fuori corso”.

 

Ragazzi, secondo voi, in passato sono esistiti i presupposti per paragonare Catania a Seattle?

Giuseppe: Negli anni ’90 negli Stati Uniti la produzione maggiore di rock effettivamente avvenne a Seattle. Tra le città americane fu quella che raggiunse maggiormente i mezzi di comunicazione per diffondere la propria produzione musicale. Basti pensare cosa rappresentò il grunge per il rock. Il paragone sembra un po’ sproporzionato, ma Catania probabilmente in quel momento era la città che in Italia rispecchiava maggiormente il fermento musicale di Seattle.

Luca: …..e se non fosse mai esistito un movimento musicale tale da giustificare questo paragone!? Magari è stato semplicemente un fenomeno mediatico per pubblicizzare qualche artista tipo Mario Venuti o Carmen Consoli.

Giuseppe: In quel periodo noi eravamo troppo giovani per avvertire pienamente cosa accadeva in città.

Alessandro: Bene o male, però si sentiva che qualcosa stava accadendo. Secondo me a Catania c’è stata la scintilla senza una vera e propria esplosione del fenomeno musicale.

Luca: Ci sono state tante belle idee, rimaste però sottoterra.

 

In questi anni è cambiato qualcosa?

Giuseppe: Il problema è che oggi intorno al fenomeno musicale c’è meno interesse da parte del pubblico. Secondo me a Catania non è diminuita la gente che suona, è diminuita la gente che va ai concerti.

Alessandro: Forse sono cambiati i gusti musicali

Giuseppe: A metà degli anni novanta da un punto di vista mediatico il rock imperversava su MTV e sui canali musicali, poi si è perso l’interesse ed è subentrata la musica latino americana che ha soppiantato l’interesse per il rock.

 

Cosa bisogna fare per far esplodere la scena musicale catanese? Catania come Seattle?

Alessandro: Occorre qualcuno che abbia gusto musicale e disponibilità economica

Manuel: Occorre investire in maniera massiccia nella cultura e coltivarne la passione

 

Chi sono i Diane and the Shell?

Giuseppe: Abbiamo iniziato a 15 anni, nel 1996, facendo cover dei Nirvana. Quando abbiamo iniziato eravamo tre giovani che non sapevano come passare le giornate nel paesino dell’hinterland dove siamo cresciuti (Acicatena). Anziché trascorrere la nostra giovinezza bighellonando abbiamo deciso di formare una band. La cosa poco a poco ci è piaciuta, diventando sempre più seria.

Luca: Il nostro esordio avvenne rovinando la festa di 18 anni di una nostra amica. Gli invitati, persone piuttosto anziane, volevano che suonassimo cose, tipo mazurca o tango; noi invece abbiamo suonato tutta la serata cover dei Nirvana. Ci volevamo sentire dannati e gli invitati dal canto loro, ci hanno emarginati.

Giuseppe: Con il passare del tempo abbiamo cominciato a suonare pezzi nostri. A causa di un litigio però, per due anni abbiamo smesso di suonare.

Luca: Un altro aspetto importante è stata l’acquisizione di una sala tutta nostra nel marzo del 2002, dove realmente abbiamo iniziato a suonare seriamente. Con il materiale che ne è uscito abbiamo registrato nell’Agosto del 2003, per un’etichetta indipendente, la EdWood Records, il nostro primo album: “The red Ep”.

Alessandro: Infine, è recentissimo l’inserimento del quarto elemento, Manuel, che ci ha permesso di spaziare in ambiti, per i quali prima eravamo limitati.

 

Che immagine avete del vostro album? Cosa volete che percepisca chi ascolta l’album?

Luca: “The red Ep” è stato unanimemente etichettato dalla stampa alternativa come un disco invernale con atmosfere fredde, quasi scandinave.

Giuseppe: Effettivamente il primo disco presenta sonorità molto essenziali.

Luca: In “The red Ep” abbiamo registrato pezzi che avevamo collezionato nel tempo; è una raccolta della nostra produzione di questi anni e frutto di parecchia improvvisazione. Il nuovo album a cui stiamo lavorando, invece, sarà più d’atmosfera, in cui ogni pezzo seguirà un unico filo conduttore.

Giuseppe: Sarà un disco meno essenziale e più intimo.

 

Qual è il vostro genere?

Giuseppe: “The red Ep” è stato classificato dalla stampa come residuo di post rock anni ’90, ispirato all’underground americano. Fondamentalmente ci sentiamo indipendenti da qualsiasi etichettatura e classificazione. In realtà il nostro modo di fare musica è frutto di una commistione di generi apparentemente completamente diversi tra loro.


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]