Uccisa a martellate, i messaggi sui social dell’assassino Grafica per rilanciare campagna contro violenza sulle donne

«No alla violenza sulle donne». Scritto in maiuscolo e con una mano a palmo aperto in segno di respingimento di ogni sorta di abuso verso il genere femminile. Questa la grafica che era stata scelta come messaggio antiviolenza dal Troina, società in cui Giovanni Padovani militava in quel momento, e che il 27enne aveva utilizzato come base di partenza per un fotomontaggio che includeva anche una propria immagine con pallone tra i piedi. A corredo un breve post in cui faceva propria l’azione di sensibilizzazione. Campeggia ancora sulla pagina Instagram di Giovanni Padovani questo messaggio che adesso sa di beffa e ipocrisia. Il post è del 21 novembre scorso. Ben prima della fine della storia del 27enne, calciatore e modello, con la 56enne Alessandra Matteuzzi, uccisa dall’uomo a martellate nella serata di martedì. Una contraddizione netta che conferma come ci sia ancora tanto da fare per prevenire e impedire crimini che nella maggioranza dei casi vengono perpetrati da persone già vicine alle vittime.

Un gesto, quello dell’uomo, che ha lasciato sotto choc il mondo del calcio siciliano. Padovani, infatti, era sì nativo di Senigallia, ma nell’ultima stagione era approdato nell’isola per la sua professione di calciatore, che lo aveva portato a vestire diverse maglie di club siciliani, negli ultimi due anni in serie D: nello scorso campionato, dal Troina era poi passato al Giarre. I noti problemi del club jonico, con Padovani, che risulterebbe essere uno dei tesserati ancora non pagati per le prestazioni della scorsa stagione, avevano spinto il giocatore a cambiare casacca, accasandosi alla Sancataldese. La società nissena, nella giornata di ieri, ha pubblicato un messaggio sui propri canali social ufficiali, condannando ogni violenza e femminicidio ed esprimendo cordoglio e vicinanza alla famiglia della vittima. Il club verdeamaranto, inoltre, ha precisato come il giocatore fosse stato messo fuori rosa già sabato scorso, 20 agosto, perché allontanatosi ingiustificatamente.

La permanenza professionale in Sicilia di Padovani, secondo quanto riferito dai parenti della vittima, aveva creato qualche difficoltà nel rapporto con la donna. Una relazione nata circa un anno fa e subito logorata dalla distanza, con i due costretti a vedersi saltuariamente. La volontà della donna di troncare il rapporto aveva scatenato, da inizio anno, la persecuzione dell’ex partner, che si era reso autore di gesti intimidatori: dal versamento di zucchero nel serbatoio dell’auto della vittima all’irruzione nel terrazzo di casa della donna, arrampicandosi esternamente, tramite la grondaia.

Sono ancora i social a lasciare traccia di questa orribile vicenda. Padovani aveva affidato ai propri canali uno sfogo nel quale lamentava presunte manipolazioni e tradimenti e che si concludeva con una frase – «credo sia giunto il momento di andarsene» – che fa pensare a un tragico commiato, giunto solo per la ex compagna. Matteuzzi aveva denunciato le persecuzioni di Padovani a fine luglio, ma le lungaggini burocratiche non avevano ancora permesso l’attivazione di quelle misure di protezione necessarie.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]