Twilight singers – Powder burns (2006, One little Indian)

TRACKLIST:
1 Toward The Waves
2 I’m Ready
3 There’s Been An Accident
4 Bonnie Brae
5 Forty Dollars
6 Candy Cane Crawl
7 Underneath The Waves
8 My Time (Has Come)
9 Dead To Rights
10 The Conversation
11 Powder Burns
12 I Wish I Was

La polvere. A che polvere si riferisce il titolo del nuovo album dei Twilight Singers? Sarà forse quella dei sobborghi di Cincinnati (nell’Ohio), punto di partenza, a fine anni ’80, del giovane Greg Dulli? O è forse quella dei desertici paesaggi californiani? Più probabilmente è la polvere della distruzione, quella che viene su in giallastre nuvole fumose quando l’acqua si prosciuga lasciando emergere quintali di macerie, quando è il momento di ripartire, di ricominciare. E’ la polvere di Katrina, la polvere di New Orleans, una città fantasma che prova a reincarnarsi, grazie anche alla molteplicità di artisti che non l’hanno abbandonata e dimenticata. Ed è proprio nella capitale mondiale del jazz che, a cavallo dei tragici eventi legati all’uragano del 2005, ha preso vita come una fenice Powder Burns (maggio 2006), nuovo capitolo della lunghissima carriera di Greg Dulli, quinto dell’avventura con i Twilight Singers. L’album risente quindi in pieno dell’atmosfera inquieta in cui è stato con perseveranza concepito (Dulli dopo l’uragano ha voluto continuare il lavoro nello stesso studio di registrazione in cui era stato iniziato), e lo dimostrano passaggi strumentali e lirici degni dei migliori episodi della carriera del nostro. Toward The Waves, “verso le onde”, recita così il titolo dei quasi cinquanta secondi di intro strumentale che danno il via alla personalissima “ricostruzione dei fatti” dei Twilight Singers; le scariche elettriche del primo vero brano dell’album, I’m Ready, ci preannunciano invece come Dulli sia davvero in forma e come la sua voce non abbia perso, col trascorrere degli anni, l’intensità dei tempi degli Afghan Whigs; There’s Been An Accident e Bonnie Brae sono la perfetta testimonianza della disarmante tristezza che pervade l’intero lavoro; un cadenzato pianoforte serpeggia attraverso uno degli episodi migliori dell’album, Forty Dollars, con quella voce filtrata “effetto megafono” e l’inciso tratto da “She Loves You” dei Beatles che risuona ad un tratto nelle orecchie (retaggio dell’album di cover del 2004). La ballata Candy Cane Crawl, che vede la partecipazione di Ani Di Franco, si posiziona al centro appena prima di Underneath The Waves: “sotto le onde”, il disastro si sta compiendo, la città è sommersa. Una prima, ed in realtà unica, vena di disappunto è d’obbligo per la traccia numero otto, My Time (Has Come), corpo estraneo del full lenght. Leggendone il titolo può non ricordare nulla, ma fin dai primi tre nanosecondi di ascolto non si tarda a riconoscerne la “White Widow / La Vedova Bianca” degli Afterhours dell’amico Manuel Agnelli: per carità, il brano è riarrangiato in modo egregio, a dirla tutta rende anche meglio della versione inglese “originale”, l’accento e la pronuncia di Dulli non hanno (ovviamente) nulla a che vedere con quelli falsati di Agnelli. Ma è una trovata che andava decisamente evitata, non serve proprio che Dulli e Agnelli ci sventolino in faccia ad ogni occasione la loro sinergia personale/artistica. Dead To Rights, “morte ai diritti”… sono forse quelli della popolazione, male assistita prima e dopo la catastrofe? La dolceamara The Conversation precede il binomio conclusivo, composto dalla melodica titletrack Powder Burns e da I Wish I Was: il mare si è ritirato, è il momento del cordoglio, è il momento di mettere da parte la violenza (dell’uomo e della natura) e ricostruire insieme. E’ questo brano di chiusura il vero capolavoro di “Powder Burns”, un album sentito e sofferto, dichiarazione d’amore verso una città che tanto ha dato alla musica.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]