Trofeo Sant’Agata 2023, vincono Osama Zoghlami e Federica Sugamiele

Spettacolo, emozioni, passione e devozione, c’è tutto questo e tanto altro ancora nel trofeo Sant’Agata, andato in scena questo pomeriggio a Catania. Lo start alle 15, in un pomeriggio infuocato non solo per gli alti contenuti tecnici offerti dalla gara, ma anche dalla festa di Sant’Agata che si appresta a vivere le sue ore più intense; un ritorno per le celebrazioni legate alla patrona di Catania, che dopo il black-out dovuto alla pandemia è pronta a ricevere l’abbraccio della sua gente. La gara mantiene tutte le promesse della vigilia. Allo spettacolo della processione dell’offerta della cera di metà mattinata, fa eco lo spettacolo degli atleti che sfrecciano lungo il centro storico etneo, accarezzandone il barocco e sfidando sampietrini e basolato. Sette giri per gli uomini, per un totale di circa 9.800 metri, tra via Vittorio Emanuele dove avvengono partenza e arrivo, via Ventimiglia, via Teatro Massimo, via Rapisardi, via Antonino di Sangiuliano e via Etnea; quattro invece i giri per le donne. Circa 60 gli atleti in gara, nessuno si risparmia, tutti sono lì per dare il meglio di se stessi, pronti ad onorare questa sfida e la Santuzza, per la quale la gara vive e palpita.

Ad ogni giro una diversa emozione, con il centro storico che ben presto diventa un catino, una bolgia di voci, urla, incitamenti ed imprecazioni; si corre il Sant’Agata, lontano dagli anni storici del Trofeo, ma vicino per cuore e intensità. A vincere è Osama Zoghlami (Aeronautica) bravo a controllare gli avversari nei momenti importanti e sferrare l’attacco decisivo, quando il traguardo è a poche centinaia di metri. Per il bronzo agli europei di Monaco 2022 nei 3000 siepi, il tempo di 29’47. Al secondo posto autore di una gara maiuscola,il compagno di divisa Giuseppe Gerratana in 29’53. Terzo il finalista delle siepi a Tokyo, Ala Zoghlami (Fiamme Oro Padova) in 30’03. Il terzetto, allenato da Gaspare Polizzi ha inevitabilmente fatto selezione giro dopo giro. Ottimo quarto l’atleta messinese che vive a Bergamo, Antonino Lollo (Parco Alpi Apuane) in 30’29. Quinto il gioiellino della Siracusatletica Wilson Marquez in 30’53.

«Pensavamo di partire più piano – il commento alla gara di Osama Zoghlami – invece poi abbiamo impostato un ritmo importante. Bella cornice di pubblico, bella gara e vittoria che mi gratifica, in vista degli imminenti impegni istituzionali». Al femminile monologo di Federica Sugamiele (Caivano Runners) che ha chiuso la sua gara con il tempo di 19’31. Al secondo posto la 25enne triatleta di Catania, Nicoletta Santonocito (Magma Team) in 20’14 unica a poter vedere seppur in lontananza l’atleta di Erice. Terza Cristina Ventura (Magma Team) in 21’00. Quarta e quinta rispettivamente l’atleta del Cus Catania Desirèe Di Maria (22’55) e Veronica Costanzo (Atletica Lentini) in 23’39. «Vincere non è mai scontato – le parole della Sugamiele – e il successo fa sempre piacere. Sto preparando la mezza di Napoli (26 febbraio n.d.r.) e mi proietto verso la maratona di Milano. Vincere qui a Catania, in occasione della gara legata alla Santa Patrona, è stato davvero bello».

«È l’emozione il sentimento più forte che sento di provare oggi –  afferma Santi Monasteri presidente dell’Atletica Sicilia. La fiducia riposta da parte dell’amministrazione comunale e dal Comitato per la festa di Sant’Agata, ci ha dato una grande responsabilità, ci tenevamo a che tutto andasse per il verso giusto e così è stato». Un trofeo Sant’Agata che ha guardato con rispetto e devozione al Trofeo che dal 1960 al 2011 ha incantato per fascino e grandiosità ad ogni latitudine. E lo ha fatto ricordando gli uomini che hanno scritto la storia dell’evento. Al primo classificato, infatti, gli organizzatori, hanno assegnato il trofeo intitolato alla memoria di Marco Mannisi (presente il figlio Concetto n.d.r.) l’ideatore del Sant’Agata e mecenate dello sport a Catania.  Il premio per la prima donna invece ha voluto ricordare Giuseppe Iuppa, presidente della Libertas Catania, storica società di atletica. In apertura della manifestazione il premio dedicato a Ignazio Marcoccio, (presidente del comitato organizzatore del trofeo Sant’Agata dal 1966 al 1992 ex sindaco e presidente del Coni Catania dal 1957 al 1993) è stato assegnato a Michelangelo Granata statistico, profondo conoscitore dell’atletica leggera siciliana e cantore dello storico trofeo Sant’Agata.

Le classifiche


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Spettacolo, emozioni, passione e devozione, c’è tutto questo e tanto altro ancora nel trofeo Sant’Agata, andato in scena questo pomeriggio a Catania. Lo start alle 15, in un pomeriggio infuocato non solo per gli alti contenuti tecnici offerti dalla gara, ma anche dalla festa di Sant’Agata che si appresta a vivere le sue ore più […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]