Trattativa Stato mafia, parla Fiammetta Borsellino  «Rimangono i misteri, troppi pareri contrastanti»

L’eco della storica sentenza sulla trattativa tra Stato e mafia è ancora forte. E il pensiero va immediatamente ai giudici Falcone e Borsellino, e ai loro cari che per tanti anni hanno seguito con attenzione le fasi di un processo lungo cinque anni. Tra coloro che hanno sempre espresso un parere forte e netto c’è Fiammetta Borsellino, la più piccola dei figli del magistrato ucciso il 19 luglio 1992.

«Con questa sentenza è stata data una cornice giuridica ad un comportamento riprovevole – dice Fiammetta Borsellino – È una sentenza di primo grado che ha mille punti deboli in termini di giurisprudenza. Noi come famiglia andiamo molto oltre la soddisfazione o meno per questa sentenza perché ne esce un’immagine dello Stato non bella, perché la trattativa c’è stata e questo viene sancito con questa sentenza, ma purtroppo i misteri rimangono, ci sono pareri eccessivamente contrastanti».

La trattativa tra pezzi di Stato deviati, boss mafiosi, alti ufficiali dei carabinieri e Marcello Dell’Utri – uno dei fondatori del partito politico Forza Italia – c’è stata. A sancirlo è stata una sentenza di primo grado della corte di assise di Palermo del 20 aprile scorso. Sono stati tutti riconosciuti colpevoli del reato disciplinato dall’articolo 338 del codice di penale: quello di violenza o minaccia a un corpo politico, amministrativo o giudiziario dello Stato. Hanno cioè intimidito il governo con la promessa di altre bombe e altre stragi, dopo l’uccisione dei giudici Falcone e Borsellino e le esplosioni di Firenze e Milano, se non fosse cessata l’offensiva antimafia dell’esecutivo.

Assolto dall’accusa di falsa testimonianza perché il fatto non sussiste l’ex ministro della Dc Nicola Mancino. Massimo Ciancimino, invece, è stato condannato a otto anni per calunnia nei confronti dell’ex capo della polizia Gianni de Gennaro. Il figlio di don Vito, uno dei testimoni fondamentali del processo, è stato invece assolto dall’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa. I giudici hanno inoltre condannato Bagarella, Cinà, Dell’Utri, Mori, Subranni e De Donno al pagamento in solido tra loro di dieci milioni di euro alla presidenza del Consiglio dei ministri che si era costituita parte civile. Una sentenza storica che mette in luce una parte molto critica della storia italiana e che permetterà di riscrivere la storia della seconda repubblica.

«Che lo Stato processi se stesso per individuare le mele marce non è un atto eccezionale in uno Stato normale che si basa sulla legalità è un atto dovuto – aggiunge la figlia del giudice Borsellino – Sulla Cassazione sarebbe ovvio aspettarsi dal sistema un funzionamento che abbia un inizio e una fine, ma con i tanti, troppi dubbi che permangono sulle alte cariche dello Stato speriamo solo che si possa fare definitivamente luce». 

Intanto a metà maggio si aspettano le motivazioni del processo Borsellino Quater e la famiglia Borsellino aspetta di capire chi ha portato Scarantino alla calunnia. Un altro punto fondamentale, un altro mistero ancora da decifrare a 26 anni dalle stragi che hanno insanguinato l’Italia.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

La più piccola dei figli del magistrato ucciso il 19 luglio 1992 commenta la storica sentenza del 20 aprile scorso. «È stata data una cornice giuridica a un comportamento riprovevole. Noi come famiglia andiamo molto oltre la soddisfazione o meno per questo giudizio, perchè ne esce un'immagine dello Stato non bella»

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]