Trapani, granata ko anche a Bari Tre a zero e sempre più ultimo

Più giù di così, c’è solo da scavare. Il Trapani perde anche a Bari, un 3-0 pesante in favore dei biancorossi, e si conferma fanalino di coda della serie B. Primi minuti molto tirati, in cui è lampante la voglia di non rischiare nulla da parte delle due squadre, anche se il Bari sblocca il match al 9’: Monachello riceve palla fuori area, Casasola non lo pressa a dovere e l’attaccante fa partire un tiro che Farelli riesce solo a deviare sul palo, con la sfera che poi finisce in rete. I siciliani impiegano più di un quarto d’ora per affacciarsi in avanti, ma la serpentina di Citro in area si conclude con un tiro deviato in angolo. I granata sono anche sfortunati quando, al 35’ Petkovic colpisce la traversa direttamente su calcio di punizione. Biancorossi nuovamente pericolosi poco prima dell’intervallo con Monachello, che però spara a lato da buona posizione. Nella ripresa la gara è combattuta soprattutto a centrocampo e soltanto al 57’ arriva la prima occasione con Furlan che prova a impegnare dalla distanza Farelli. A cercare il gol è anche Maniero, ma la rete del 2-0 arriva al 64’ con Ivan, che beffa Farelli con un sinistro da fuori. Il Bari trova addirittura il tris qualche minuto dopo, a segnare è ancora Monachello che mette in rete anche lui con un sinistro a giro. Non succede più niente fino alla fine, per il Trapani si tratta della quarta sconfitta stagionale.

LE PAGELLE

Farelli 5 Le responsabilità sul primo gol subìto sono tantissime, si potrebbe dire che è corresponsabile insieme a Casasola. Anche sugli altri due gol avrebbe potuto fare di più, ma il risultato negativo non dipende soltanto da lui.

Fazio 5 Troppo macchinoso sulla fascia, fatica non poco a saltare i diretti avversari, Furlan su tutti. Nella ripresa, dopo l’ingresso di Balasa, scala in posizione centrale, ma la situazione e la sua valutazione non ne giovano.

Casasola 4,5 Un suo ennesimo errore in chiusura, su Monachello nei primi minuti, consente a quest’ultimo di calciare e beffare Farelli e mettere la gara subito in salita per i siciliani. Male come tutto il reparto difensivo, probabilmente lui è il peggiore in campo.

Pagliarulo 5 Anche il capitano affonda con tutta la nave della retroguardia, sebbene provi a dire la sua soprattutto sui palloni alti. In occasione del terzo gol, Monachello lo manda completamente in tilt, mettendo in ghiaccio la partita.

Visconti 5 Per lui era la prima da titolare, non sarà certo una gara da ricordare. Sulla fascia deve vedersela con Ivan, l’autore del secondo gol, mentre quando scala ad aiutare i centrali non riesce a contrastare la coppia Monachello-Maniero.

Ciaramitaro 5,5 Gara senza infamia e senza lode la sua. Si dà da fare, senza però riuscire a risultare determinante. Paga forse una condizione fisica non delle migliori. Dal 46’ Balasa 5 Dovrebbe dare la scossa ai suoi anche grazie al cambio di modulo, ma la situazione non migliora per niente.

Scozzarella 5 Gara negativa per il regista, che non riesce a dispensare chissà quanti palloni giocabili per gli attaccanti granata. Fatica molto in mezzo al campo, ed è merito anche del pressing avversario. Dal 71’ Colombatto s.v. Poco meno di venti minuti in campo per lui, con la gara già decisa.

Barillà 6 Gara tutto sommato sufficiente per il numero 17 granata, che dialoga spesso con Nizzetto e Scozzarella alla ricerca della giocata vincente per gli attaccanti. Dal 60’ Machin 5,5 Dovrebbe dare una mano in fase di impostazione, ma è dopo il suo ingresso che il Trapani subisce le due reti che chiudono la partita.

Nizzetto 6 Sgomita nella sua zona di competenza, agendo prima dietro le punte e poi anche sulla fascia. Forse è l’unico a provarci fino alla fine, cercando di mettere in mezzo palloni interessanti per gli attaccanti senza fortuna.

Citro 5,5 Ha l’occasione per pareggiare il match, ma dopo una serpentina in area avversaria sciupa malamente col destro. La sua velocità e imprevedibilità non riescono ad avere la meglio sulla fisicità di Moras e Di Cesare.

Petkovic 5,5 Va vicinissimo al gol con una traversa colpita su punizione nel primo tempo: sfortunato in questo episodio. Non in perfette condizioni fisiche, ma quello della traversa è l’unica occasione in cui il croato si fa notare.

Cosmi 5 La squadra continua ad annaspare e questo sembra proprio essere l’anno no per i granata. Difficile dire che la sua posizione sia in bilico, ma ciò che è certo è che serve proprio uno scossone per cominciare a fare punti. Anche perché guardando la classifica c’è solo da disperarsi.

Bari: Micai 6, Sabelli 6, Moras 6,5, Di Cesare 7, Daprelà 6,5, Ivan 7, Romizi 6,5, Valiani 6, Furlan 6 (80’ Basha s.v.), Monachello 8 (85’ De Luca s.v.), Maniero 6,5 (72’ Doumbia s.v.). All.: Stellone 7.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]