«Tra musulmani e cristiani c’è ancora una frontiera culturale»

«Siamo tutti figli del caso», dice Karim Hannachi, docente di lingua e cultura araba presso la facoltà di Lingue e letterature straniere, sede di Ragusa, volendoci fare capire come sia difficile tracciare l’identikit dell’immigrato. E aggiunge che «l’intercultura vuole assaggiare il piatto della differenza, senza cambiare il ricettario della propria cucina».

 

Diversi studiosi e studiose si sono espressi sul tema del disagio culturale dell’immigrato – tema del convegno organizzato dalle docenti Sarah Amrani e Maria Lombardo per “Portolani IV” e “Uni(di)versité”.

Faroudja Cayeux ha proposto una serie di brani tratti da “Fragments de mémoires”, che sottolineano i percorsi dolorosi delle donne durante il loro processo di integrazione, la loro esperienza dell’esilio, i traumi, la depressione. Fatima Besnaci-Lancou ha raccontato la sua drammatica esperienza di figlia di Harkis, quegli algerini che durante la guerra di Algeria hanno combattuto al fianco dei francesi.

 

Milena Lo Giudice, “etnopediatra” palermitana e autrice del libro “Etnopediatria: bambini e salute in una società multietnica” ha esposto le problematiche legate alle diversità culturali e al processo di integrazione  dei bambini immigrati ai quali “è necessario assicurare il più possibile il rispetto delle tradizioni sociali, culturali e religiose”.

 

Di particolare interesse è stata la presenza di Kaled Fouad Allam, docente di Sociologia del mondo musulmano e di Storia e istituzioni dei paesi islamici all’Università di Trieste e di Islamistica all’Università di Urbino. Allam, editorialista del quotidiano “La Repubblica” ha, tra l’altro,  pubblicato “Kamikaze” e “L’Islam globale” per Rizzoli.

Allam afferma innanzitutto che «La scienza dell’immigrazione vale ciò che valgono gli immigrati, cioè niente».

 

Professor Allam dova sta il problema di fondo nel rapporto fra mondo musulmano e cristiano?

«Tra i due vi è una frontiera culturale: l’Islam conosce solo alcune sfaccettature del mondo cristiano e viceversa».

 

Cosa ci si può attendere dall’Università?

«L’Università deve costruire saperi e veicolare informazioni sulla relazione tra mondo musulmano e occidentale, trasmettendo un messaggio multiculturale».

 

E l’Europa fa abbastanza?

«Per niente. Intanto il musulmano viene considerato solo un terrorista, soprattutto dopo la strage dell’11 settembre. Purtroppo oggigiorno non esiste più il paradigma dell’uguaglianza tra gli esseri umani, ma regna solo la diversità, bisogna costruire un dialogo tra questi due mondi».

 

Il punto di partenza necessario per instaurare un rapporto tra queste due culture è sicuramente, secondo Khaled Fouad Allam, costruire un dialogo aperto e soprattutto imparare a convivere con chi è diverso da noi.

 

* studentessa del corso di Storia e Tecnica del giornalismo tenuto da Maria Lombardo


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]