Tifoserie amiche: perché no?

Se l’orizzonte è uno stadio vivibile, in cui godersi uno spettacolo sportivo, senza tensioni né filo spinato, come accade in altre parti del mondo, il calcio italiano non può che recitare il mea culpa. A testimonianza di ciò il fatto che ogni domenica, puntualmente, assistiamo a disordini e lanci d’oggetti in campo, ed ogni tanto ci scappa qualche ferito.

Ad essere maggiormente danneggiate da questo vergognoso comportamento sono le società, punite con pesanti ammende e, stante l’ultimo giro di vite del Governo, penalizzate anche dal punto di vista sportivo. La domanda che ci poniamo sorge allora spontanea: è possibile educare i tifosi alla non-violenza e al rispetto reciproco? Sì, questa potrebbe essere una strada percorribile. Ma si tratta di un procedimento lungo e complesso, che dovrebbe partire da una profonda base culturale. Non bisogna infatti dimenticare che il calcio è nato per unire emozioni, pubblico, spettacolo e, soprattutto, fair play. Ed è proprio da questo principio che bisognerebbe partire per restituire al calcio credibilità. I tifosi stessi potrebbero essere i principali protagonisti di questo mutamento.

Alcuni club stanno cercando, già da diversi anni, di portare i propri ultras ad impegnarsi sempre di più in prima persona per tentare di superare le barriere della violenza tramite il gemellaggio. Se, ad esempio, quelle di Catania e Genoa sono da considerarsi “tifoserie amiche” è anche perché le due città sono in stretto rapporto tra loro (in questo caso un elemento che forse influisce è la collaborazione tra le Università delle due città). Ciò significa che, trovando dei punti di accordo tra le tifoserie o, appunto, tra le città è possibile combattere la violenza. Allo stato attuale sono ancora pochi i club che vanno avanti per questa direzione. Ma se questi pensassero di promuovere maggiormente l’iniziativa, si potrebbero evitare le multe (che gravano notevolmente sui loro bilanci) e gli incidenti sugli spalti. Alla base di questo discorso ci sta naturalmente la volontà, perché se questa viene a mancare è inutile auspicare progressi importanti.

I calciatori stessi, che vivono più a stretto contatto con i tifosi, dovrebbero contribuire anche loro in tal senso. A questo proposito, una tiratina d’orecchie va fatta a Paolo Di Canio, che nell’ultimo derby della capitale ha fatto scatenare le ire di tutti con la frase: “godo anche per i diffidati”. “Dicendo questo – sostiene il prefetto di Roma Achille Serra – il giocatore ha preso le distanze dalle forze dell’ordine, persone che rischiano la vita per garantire la sicurezza di tutti. Non mi pare un comportamento giusto, così non si fa altro che schierarsi dalla parte sbagliata, quella dei violenti”. Sicuramente Di Canio ha esagerato un po’ in quella frase, ma crediamo nella buona fede del ragazzo, che (è giusto ricordarlo) ha vinto il premio fair play in Inghilterra.

Il gemellaggio tra le tifoserie di tutta Italia ha le potenzialità per essere uno strumento efficace, che possa finalmente dare un calcio alla violenza. Il campionato italiano è considerato uno dei più entusiasmanti al mondo per qualità e tecnica. Impegniamoci tutti nel nostro piccolo a rendere il clima più sereno e uno stadio vivibile. Soltanto così potremmo finalmente godere di uno spettacolo puro.

Livio Giannotta


Dalla stessa categoria

I più letti

Se l’orizzonte è uno stadio vivibile, in cui godersi uno spettacolo sportivo, senza tensioni né filo spinato, come accade in altre parti del mondo, il calcio italiano non può che recitare il mea culpa. A testimonianza di ciò il fatto che ogni domenica, puntualmente, assistiamo a disordini e lanci d’oggetti in campo, ed ogni tanto […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]