“Ti piace Hitchcock?” Argento in vena citazionista

Titolo: Ti piace Hitchcock? Regia, soggetto e sceneggiatura: Dario Argento. Fotografia: Frederic Fasano. Musica: Pino Donaggio. Montaggio: Walter Fasano. Interpreti: Elio Germano, Chiara Conti, Elisabetta Rocchetti, Cristina Brondo. Produzione: Rai trade in collaborazione con Rai fiction. Origine: Italia 2005. Durata: 95’.

Opera completamente dedicata alle citazioni quest’ultima del maestro italiano del brivido Dario Argento. Dall’impressionismo tedesco sino ad Hitchcock, tutto ciò che da sempre rappresenta un punto di ispirazione per l’autore di “Profondo Rosso” condensato in un’unica “pellicola-omaggio”. Questo è in pratica “Ti piace Hitchcock?”.

La tendenza smodata alla citazione è già lapalissiana nella struttura dell’intreccio: Giulio, giovane studente di cinema, ama spiare i suoi vicini dalla finestra di casa. Oggetto particolare delle sue attenzioni è la bella Sasha dell’appartamento di fronte, la quale spesso litiga con la madre. Quando quest’ultima una notte viene brutalmente assassinata (in perfetto stile grangugnolesco argentiano), Giulio inizia ad indagare, convinto che le autrici del delitto siano la figlia della vittima insieme ad una sua recente amica, Federica, ispirate dalla visione comune del capolavoro del maestro inglese del brivido “Delitto per delitto”.
Non certamente l’opera migliore di Argento, il quale per la verità sembra avere ormai da tempo perso il suo magico tocco per il cinema horror. La pellicola è praticamente un’unica, immensa citazione di ciò che al bravo Dario del cinema piace. Proveremo ad elencare quanti siano i film presenti in omaggio dentro “Ti piace Hitchcock?”: “La finestra sul cortile”, “Delitto per delitto” (ovviamente), “La donna che visse due volte”, “Il delitto perfetto”, “Notorius”, “Psycho”, “Intrigo internazionale” e tutto il cinema impressionista tedesco degli anni venti-trenta da Fritz Lang a Murnau. E badate bene, non semplici mimetizzate citazioni tra lo scorrere del narrato, bensì sequenze su sequenze ricostruite sul calco delle pellicole originali.
Oltre alla scarsa originalità, aggrava il giudizio sulla pellicola  la recitazione molto poco ispirata di tutto il giovane cast a cui certamente non ha giovato la scelta della lingua inglese per i dialoghi (alla base di questa decisione certamente i soliti ovvi motivi commerciali) ed il conseguente ridoppiaggio in italiano per “bocca” degli stessi attori protagonisti, i quali, per inciso, erano con evidenza molto poco abituati a questo tipo di performance in “differita”. Non si capisce inoltre perché non si sia curato con maggiore attenzione un sonoro (dialoghi compresi) in perenne fuori sincrono in stile “Ghezzi-Fuori Orario”.
Come si è detto non sicuramente il film per cui Dario Argento verrà ricordato questo “Ti piace Hitchcock?”, ma comunque, vista la sua futura collocazione televisiva, molto meglio di ciò che solitamente si vede sul piccolo schermo, da “Incantesimo 7” a “ Padre Pio”.

fonte www.nonsolocinema.com


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]