The Hub, la rete glocal nel cuore di Ortigia «La Sicilia ha fame di innovazione»

Co-creazione, collegamento, comunità: sono i concetti chiave che orbitano intorno a The Hub Siracusa, lo «spazio di co-working per tutti gli innovatori sociali siciliani», nato, come dice la parola stessa, per connettere diverse realtà rivolte al futuro. Come? Basta iscriversi al network. The Hub, infatti, mette a disposizione lo spazio, affittandolo a chi cerca un luogo di lavoro stimolante in cui far crescere il proprio progetto di impresa. Tutto grazie a due strumenti: un ambiente progettato ad hoc, basato su confronto e condivisione, e un programma di eventi studiati per mettere in relazione l’utente con figure professionali che lavorano nel suo stesso ambito, permettendogli di fare rete a livello locale ed internazionale.

The Hub Siracusa si trova nel cuore di Ortigia ed è parte di un network internazionale con 40 sedi in tutto il mondo. Per questo, pensa glocal ma è fortemente legato alle specificità del territorio siciliano. «La Sicilia ha fame di innovazione – dice Viviana Cannizzo, co-fondatore e host manager –  le idee ci sono e le realtà bellissime made in Sicily non mancano. Da questo punto di vista l’Hub si sente un collante e un mediatore, nel nostro caso, anche tra pubblico e privato».

L’Hub siciliano nasce due anni fa, quando Viviana Cannizzo, Stena Paternò e Rosario Sapienza, dopo varie esperienze lavorative in giro per il mondo, decidono di tornare a lavorare in Sicilia. Si incontrano, si mettono al lavoro e nel 2011 parte Euro South Hub, il loro progetto, subito approvato, per creare un Hub in Sicilia, co-finanziato dalla Commissione Europea per l’innovazione sociale nel Mediterraneo. Nel frattempo, costituiscono The Hub Sicilia, l’associazione da cui nasce lo spazio aretuseo, in cui coinvolgono altri ex-espatriati ritornati in Trinacria.

Il progetto decolla e nel 2012, grazie anche alla partnership con il comune di Siracusa e la facoltà di Architettura, lo spazio prende forma e viene riconosciuto dal network internazionale. Il 20 aprile scorso la prima presentazione ufficiale alla comunità, anche se l’allestimento è ancora work in progress. L’apertura al pubblico, infatti, è prevista per il prossimo autunno, quando comincerà anche la campagna di iscrizioni. «Da settembre sarà pronto con arredi e tavoli», anticipa Viviana. Intanto, «la gente può già venire a lavorare. Sono arrivate già tante richieste».

Cosa rende The Hub Siracusa diverso da altri spazi nati con lo stesso scopo? «Il nostro valore aggiunto è l’hosting», continua la co-fondatrice, che di questo aspetto si occupa in prima persona. Viviana fa il mediatore, ovvero: «Sapere che un membro della community porta una progettualià e metterlo nelle condizioni di collaborare con altre persone che possono valorizzare il suo lavoro». Un luogo in cui lavorare facendo rete. «L’Hub vuole mettere in relazione le persone fisicamente, per valorizzare l’aspetto umano e sociale, permettendo a chi ne fruisce di mettersi in contatto con imprenditori che lavorano nel suo stesso ambito, come impresa sociale, green economy, risparmio energetico, facendo convergere le idee».

Altro punto di forza del progetto di co-working è l’organizzazione dello spazio: un immobile, di proprietà del comune di Siracusa, sede di un ex-convento del sedicesimo secolo. Il restauro è stato curato all’insegna della co-creazione e del confronto con la comunità che dovrà fruirne. «Lo spazio è legato alla comunità, che ci si deve riconoscere – spiega Franco Adorna, architetto, space manager e coordinatore logistico, oggi tra i quattro membri del team che anima The Hub. – Devi fare in modo che questa comunità si attivi affinché possa organizzarsi un luogo consono all’incontro, al lavoro, alle attività che vi si svolgeranno. Si può fare solo tramite un momento di creazione comune, scambio di idee e di visioni».

Infatti, a giugno 2011, i futuri hubbers sono stati coinvolti in un workshop di co-creazione, «per buttare giù desideri e creatività e per immaginare insieme la trasformazione funzionale dello spazio vuoto – racconta Franco -. Quella giornata ci ha lasciato tanti feedback e suggerimenti da interpretare, scritti su post-it e su fogli attaccati ai muri», ricorda. All’insegna della condivisione anche la progettazione degli arredi interni ed esterni, realizzati tramite laboratori di riuso creativo, tutti green al cento per cento, con alla base materiali di scarto. «Ci si incontra nel fine settimana con dei tutor – spiega sempre Franco -. I laboratori sono aperti a tutti, anche se attualmente lo zoccolo duro è fatto da una quindicina di persone tra studenti di architettura, artigiani e semplici appassionati di bricolage». I laboratori, come spiega invece Viviana, sono anche «il motore per creare la filiera, mettendo in moto un meccanismo economico: stringiamo rapporti con le aziende che ci danno i materiali e produciamo prototipi di mobili, che possono essere commercializzati. Una vetrina per la creatività dei partecipanti».

Anche se appena nato, The Hub Siracusa sta già raccogliendo i primi frutti del lavoro di chi ci ha scommesso sopra. «La chiave del nostro successo è stata l’essere un gruppo consolidato di lavoro, ognuno con un suo ruolo diverso ma flessibile, in rispetto reciproco – racconta Viviana -. Siamo quattro persone che lavorano affiatate, tutti curiosi uno della professione dell’altro, di questi mondi che si amalgamano, e con la voglia di fare rete qui in Sicilia».

 

[Foto The Hub Sicilia]


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

«Uno spazio di co-working per tutti gli innovatori sociali siciliani». Così si presenta al pubblico il capitolo siracusano del network internazionale che vanta 40 sedi in tutto il mondo. Nato dall'idea di tre giovani ex espatriati e ritornati a lavorare in Sicilia The Hub Siracusa offre luoghi di lavoro in affitto, ma anche occasioni d'incontro tra imprenditori votati al futuro. Le chiavi del successo? Gruppo di lavoro affiatato, attenzione a tematiche green, co-creazione e condivisione

«Uno spazio di co-working per tutti gli innovatori sociali siciliani». Così si presenta al pubblico il capitolo siracusano del network internazionale che vanta 40 sedi in tutto il mondo. Nato dall'idea di tre giovani ex espatriati e ritornati a lavorare in Sicilia The Hub Siracusa offre luoghi di lavoro in affitto, ma anche occasioni d'incontro tra imprenditori votati al futuro. Le chiavi del successo? Gruppo di lavoro affiatato, attenzione a tematiche green, co-creazione e condivisione

«Uno spazio di co-working per tutti gli innovatori sociali siciliani». Così si presenta al pubblico il capitolo siracusano del network internazionale che vanta 40 sedi in tutto il mondo. Nato dall'idea di tre giovani ex espatriati e ritornati a lavorare in Sicilia The Hub Siracusa offre luoghi di lavoro in affitto, ma anche occasioni d'incontro tra imprenditori votati al futuro. Le chiavi del successo? Gruppo di lavoro affiatato, attenzione a tematiche green, co-creazione e condivisione

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]