The aviator

  La primissima e densa scena di The Aviator è poi quella che a piccole dosi sarà infiltrata tra i fotogrammi del film fino a dominarne l’ultima parte. Il piccolo Howard posto in verticale su di una tinozza mentre la mamma lo lava con ossessiva attenzione e lo mette in guardia dalle innumerevoli malattie infettive. Gli farà ripetere più e più volte la parola “quarantena”, scandendo ogni singola lettera. Martin Scorsese torna al grande schermo con l’ambiziosa ed impegnativa riproposizione della contraddittoria vita di Howard Hughes, mastodontico personaggio che fece parlare di se, a lungo e per svariate ragioni, l’America del post-depressione del ’29. Spericolato produttore cinematografico anni ’30 -’40 (si ricordano tra gli altri Hell’s Angel, Scarface) sempre con la mano al portafogli (per Angeli dell’inferno spese piu’ di 4 milioni di Dollari nel ‘27) e la lingua piccante, fu grande playboy in ambiente hollywoodiano (sue conquiste Katharine Hepburn, Ava Gardner, Jean Harlow) ed aviatore incosciente. Proprio il tema dell’aviazione è abbondantemente centellinato dal regista; un sogno quello di Hughes, destinato ad infrangersi ripetutamente. E’ il sogno di volare, palesemente metafora della parabola di un qualsiasi uomo d’affari e di successo come lui, o forse più semplicemente il sogno di un bambino schiacciato da un macigno di precauzioni igieniche. E così Howard volerà in alto, coi suoi film, con i suoi velivoli, ma precipiterà su di un campo, sui tetti di Beverly Hills, nella depressione, nel collasso finanziario-giudiziario, in quello sentimentale ed anche in quello psichico, rialzandosi ma ricadendo di nuovo nella sua follia.

Tre definizioni per questo film: lungo, noioso e ben fatto. Scorsese è un maestro della regia ed anche per questa pellicola si è affidato all’estro di uno stage designer come Dante Ferretti (Casinò, Kundun, Gangs of New York, etc.). Le scene sono limate alla perfezione e la direzione degli attori è come al solito, impeccabile. Ma il film stanca e molto lo spettatore, non solo per le tre ore e mezza di fotogrammi, ma soprattutto per il pretenzioso obiettivo del director newyorkese di ricalcare la vita di Howard Hughes quasi anno per anno. Forse qualche taglio qua e la avrebbe compattato una pellicola che davvero corre il rischio di stufare chi ha deciso di seguire le vicende della biografia del magnate cinematografico. Capitolo Di Caprio: Scorsese decide di proseguire con lui la sua parabola registica di questi ultimi anni, Gangs of New York aveva mostrato un attore in grandissimo rialzo espressivo ma forse un pò “leggerino” per pellicole impegnative. Qui gli viene accollato l’ingrato ma stimolante compito di personalizzare gli alti e bassi di uno stranissimo (e a detta di molti) cattivissimo personaggio e, se nella fase giovanile di Hughes convince la sua freschezza interpretativa, nel segmento centrale e finale sembra decisamente un pesce fuor d’acqua. Viste le componenti, comunque, film a caccia di Oscar.

Nota: si narra che nel 1941 Howard Hughes denunciò Orson Welles perchè la vita di Citizen Kane in “Quarto Potere” ricalcasse non poco quella sua fino a quel momento.


Dalla stessa categoria

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]