Tetto verde, una soluzione per gli allagamenti ma «Catania non sta andando in questa direzione»

I partner del progetto Gifluid

«I tetti verdi rispondono a un cambio di paradigma, si lavora affinché non si formino più piene per via della pioggia». Questa la spiegazione a MeridioNews da parte del professore di Idraulica Enrico Foti, afferente al dipartimento di Ingegneria civile e architettura. Una svolta nel segno dell’innovazione quella del tetto verde, installato nel polo bioscientifico di via Santa Sofia del dipartimento di Agricoltura, Alimentazione e Ambiente dell’Università di Catania. Uno spazio di 900 metri quadrati sui quali sono state piantati oltre 1.500 tra arbusti e piante erbacee, corredati da tubazioni per l’irrigazione, una stazione meteo multiparametrica per il monitoraggio delle condizioni ambientali e delle casette per gli insetti impollinatori. Un’iniziativa che nasce dal progetto Gifluid, finanziato tramite il programma Interreg V-A Italia-Malta 2014-2020, di cui è coordinatore il professor Giuseppe Cirelli. «Si tratta del più grande tetto verde realizzato in Sicilia da una struttura pubblica – sottolinea Cirelli a MeridioNews -. La nuova tecnologia implementata a livello internazionale abbina due risultati». Da una parte, infatti, si punta alla riduzione dei flussi di pioggia, l’acqua viene trattenuta e usata per l’agotraspirazione delle piante. Dall’altra, invece, viene migliorata l’efficienza energetica degli edifici. «Per i nostri climi è un valore aggiunto» osserva il professore ordinario di Idraulica agraria e sistemazioni idraulico-forestali del dipartimento di Agricoltura, Alimentazione e Ambiente.

Una sfida comune per le comunità transfrontaliere di Malta e della Sicilia per ridurre il rischio idraulico e valorizzare la resilienza delle aree colpite dagli effetti del cambiamento climatico. Il tetto verde – già presente da qualche anno nel polo di Ingegneria – non è l’unico intervento realizzato dall’Università di Catania. Creati anche i giardini della pioggia e le pavimentazioni permeabili nel territorio di Aci Castello, nel sottopasso di via della Stazione, zona soggetta a ripetuti allagamenti. «I giardini sono aree verdi che favoriscono l’assorbimento – prosegue il professor Cirelli -. Il nostro problema idraulico è legato al consumo di suolo». Stando al parere dell’esperto, sono state impermeabilizzate superfici sempre più grandi comportando un aumento dei deflussi. In tal senso, le fognature e i sistemi di drenaggio non sono in grado di smaltire l’acqua che si raccoglie. La soluzione, quindi, consiste nell’integrazione tra infrastrutture tradizionali (come le fognature) e verdi (come il tetto verde).

Perseguendo la strada dell’innovazione, è già in cantiere un altro progetto, finanziato dall’Ue, a cui sta aderendo l’Ateneo catanese. Si tratta della realizzazione di infrastrutture verdi lungo la circonvallazione di Catania al fine di mitigare rischio idraulico in ambito urbano. «Faremo un intervento dimostrativo nell’area del tondo Gioeni e ci occuperemo di monitorare i lavori che interesseranno tutto il tratto fino alla rotonda dell’ospedale Garibaldi Nesima» prosegue Cirelli. Il progetto, a cui aderiscono 52 società in sinergia col Comune di Catania, si trova nella fase di redazione ed è iniziato a settembre, poi verrà valutato dai tecnici e verranno avviate le gare. Le fognature ci vogliono sempre e vanno solo integrate.

Si chiama Cardimed, durerà sei anni ed è la prosecuzione del progetto Gifluid che, invece, ha avuto una durata di 30 mesi. Il ritardo nelle innovazioni nel nostro paese secondo Cirelli è da guardare in positivo. «Nazioni europee molto più avanzate – spiega – si erano accorte di errori nella gestione delle acque piovane, raccogliendole e allontanandole con scarichi in fiumi e mari. Adesso, invece, tutti vogliono valorizzare queste acque tramite le città spugna». Queste ultime consistono nell’assorbimento dell’acqua piovana e nel riutilizzo successivo per l’irrigazione dei parchi, il lavaggio delle strade o ancora, per esempio, come laghetti di riserva antincendio. Un’idea già adottata in Cina da oltre 30 megalopoli. Nel caso specifico, Catania ha una peculiarità in quanto è composta soprattutto da vulcaniti, suoli molto permeabili che favoriscono il ritorno dell’acqua nel sottosuolo.

Dal punto di vista tecnico, il professore Foti, invece, si sofferma sull’effettiva possibilità di realizzare dei tetti verdi a Catania. «Secondo il principio dell’invarianza idraulica – afferma – non si può più impermeabilizzare il suolo o se lo si vuole fare si devono introdurre tecnologie innovative, ma non basta un solo tetto verde a risolvere i problemi di una città». Per il docente, infatti, ogni zona dovrebbe essere ripensata per favorire l’infiltrazione dell’acqua. Un esempio lampante sono le rotatorie presenti nella città etnea che sono sollevate rispetto al piano stradale e che, in questo modo, non aiutano a drenare le acque attorno ma solo quelle sopra. «Si dovrebbero adottare misure ulteriori che favoriscano l’infiltrazione delle acque – conclude Foti -. Non mi pare che siamo andati o stiamo andando in questa direzione».


Dalla stessa categoria

I più letti

«I tetti verdi rispondono a un cambio di paradigma, si lavora affinché non si formino più piene per via della pioggia». Questa la spiegazione a MeridioNews da parte del professore di Idraulica Enrico Foti, afferente al dipartimento di Ingegneria civile e architettura. Una svolta nel segno dell’innovazione quella del tetto verde, installato nel polo bioscientifico […]

«I tetti verdi rispondono a un cambio di paradigma, si lavora affinché non si formino più piene per via della pioggia». Questa la spiegazione a MeridioNews da parte del professore di Idraulica Enrico Foti, afferente al dipartimento di Ingegneria civile e architettura. Una svolta nel segno dell’innovazione quella del tetto verde, installato nel polo bioscientifico […]

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]