Teatro Stabile: intreccio di tradizione e innovazione teatrale in Sicilia e al di là dello stretto

Per la stagione 2005/06 del Teatro Stabile si prospetta una miscela, attraverso un cartellone tradizionale di numerosi spettacoli e rassegne collaterali come preannunciato durante la conferenza stampa dal direttore artistico dello Stabile Orazio Torrisi, di sicilianità, contemporaneità e innovazione grazie alla partecipazione non solo di attori siciliani di grande prestigio come Tuccio Musumeci, Pippo Patavina, Angelo Tosto e Guia Ielo, ma anche alla presenza di attori e interpreti del calibro di Giorgio Albertazzi, Sergio Castellitto, Margaret Mazzantini, Massimo Dapporto, Caterina Vertova, Francesco Paolantoni, Lello Arena e Paolo Rossi per citare solo alcuni dei grandi nomi.

La stagione dedica particolare attenzione al patrimonio letterario ed è ricca di novità assolute ripescate dalle eccezionali “viscere culturali” siciliane. Tra queste spiccano La concessione del telefono, uno dei primi libri di Andrea Camilleri che inaugurerà la stagione a partire dal prossimo novembre, e La creata Antonia, opera inedita tratta dal romanzo di Silvana La Spina. Attraverso un affascinante itinerario verranno proposte rappresentazioni di autori classici e contemporanei siciliani e non: Molière, Shakespeare, Goldoni, Vittorini, Martoglio, Pirandello (Il malato immaginario, Antonio e Cleopatra, La trilogia della villeggiatura, Conversazioni in Sicilia, A notti non fa friddu, Il berretto a sonagli).

Sarà presente anche il “Nuovoteatro”, una rassegna di tredici spettacoli dedicata ad autori contemporanei e ad altri percorsi siciliani, tra i quali segnaliamo Scemo di guerra di Ascanio Celestini (presentato alla Biennale di Venezia l’anno scorso), L’istruttoria di Claudio Fava per ricordare l’assassinio del padre giornalista Giuseppe e le seguenti fasi del processo, e Mishelle di Sant’Oliva della giovane regista palermitana Emma Dante.

“Schegge” raccoglie una serie di spettacoli innovativi (Aeros, Nomade e Pasiones) basati sulla commistione di generi, proposti da compagnie straniere come quella degli atleti rumeni della Romanian Gymnastic Federation o la compagnia canadese Cirque Eloize o i ballerini di tango della compagnia Vientos de Sur direttamente dalla capitale argentina.

Vi è inoltre “Gesti contemporanei” che privilegia il teatro di ricerca e proporrà nel mese di settembre la pièce L’oro di San Berillo di Domenico Trischitta. Sono anche da ricordare le produzioni ospiti e le tournée dello Stabile catanese, in collaborazione con i teatri di altre città italiane, che ripropone successi come La lunga vita di Marianna Ucria di Dacia Maraini, Napoli milionaria di Eduardo De Filippo, Il padre di August Strindberg, Diario privato di Paul Léautand, e anteprime come Il maestro e Marta di Filippo Arriva e Il comico e la spalla di Vincenzo Cerami.

Vi saranno anche gli spettacoli per le scuole, che riprenderanno la narrazione di fiabe, letture e recital, tra cui le fiabe di Andersen, La Storia di tutte le storie di Rodari, Cenerentola di Perrault, La lezione di Ionesco, Un uomo chiamato Amadeus (in occasione del 250° anniversario della nascita del grande compositore austriaco) e Il Processo di Kafka.

Forte si rivela la collaborazione con l’ Università di Catania per i programmi di attività culturali e laboratori, quali il “Progetto Sciascia” e il “Progetto teatro giovani”. Da non dimenticare l’importanza della riapertura della scuola triennale d’arte drammatica “Umberto Spadaro” per giovani aspiranti attori teatrali.

Si spera che, nonostante la risaputa crisi che versa nel settore teatrale, come ribadito da Pippo Baudo presente alla conferenza, il Teatro Stabile catanese possa avere sempre forti e crescenti potenzialità efficaci nel portare al massimo livello i valori culturali della nostra città e ad esportati fuori “al di là dello stretto” come già sta facendo da tempo. Per questo vengono offerti al pubblico spettacoli e abbonamenti ad un prezzo accessibile a tutti, compresi i giovani. Questo è l’augurio e la speranza degli addetti ai lavori e di chi crede nell’essenzialità del teatro tradizionale e innovativo come veicolo di cultura.


Dalla stessa categoria

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]