TEATRO/ANARCHIA RIVOLUZIONE

GRUPPO IARBA
CTS CENTRO TEATRALE SICILIANO
Piazza dei Martiri 8
95131 CATANIA
tel. e fax 095 538364
cell. 349 6882462
gruppoiarba@tiscali.it   centrots@tiscali.it 

COMUNICATO STAMPA

Giovedì 9 dicembre prende il via la prima edizione del progetto multidisciplinare TEATRO/ANARCHIA RIVOLUZIONE …per una drammaturgia del pensiero, a cura di Nino Romeo e Graziana Maniscalco, con la collaborazione di Natale Musarra, per il coordinamento scientifico di Stefania Mazzone, promosso dal Gruppo Iarba e dal CTS Centro Teatrale Siciliano e dal Corso di laurea in Scienze storiche e politiche della Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Catania.

Giovedì 9 dicembre alle ore 21 a Catania, presso Camera Teatro Studio di viale Mario Rapisardi 443, sarà proposto ad ingresso libero

IL CANTO ANARCHICO,  storia dell’anarchismo narrata dal suo stesso canto
a cura di Santo Catanuto, brani canori tratti dal testo di Santo Catanuto – Franco Schirone, Il canto anarchico in Italia nell’Ottocento e nel Novecento,  Milano, Zero in Condotta.
A più di un secolo di distanza dalla composizione del primo canto anarchico di lingua italiana, è stato possibile ricostruire la mappa completa di un patrimonio canoro che si presenta ormai come un fenomeno vivo e consolidato. Più volte proposto come oggetto ideologicamente specifico nell’area del canto popolare a valenza politica, il canto anarchico ha, in verità, iniziato un nuovo modo di intendere ed esprimere il canto popolare stesso nelle nuove modalità di canto sociale, inaugurando la stagione dell’emancipazione della memoria collettiva.

“Se il canto politico-sociale rappresenta una delle testimonianze più precise e vigorose della lotta tra sfruttati e sfruttatori, ciò vale in misura maggiore per l’anarchismo, il cui percorso è punteggiato di canzoni, alcune delle quali godono ancora oggi di vasta popolarità”, scriveva Settimelli nel 1972. Fin dalle sue origini, infatti, il canto anarchico ha accompagnato la nascita e l’evolversi della questione sociale nelle sue diverse sfaccettature, identificandola e identificandovisi.Un fenomeno che ha saputo -e sa ancora- dar voce a quanti, nelle piazze e nei luoghi di lavoro e di studio, non hanno mai piegato il capo di fronte a qualsiasi forma di dominio dell’uomo sull’uomo.
Proporre oggi questa raccolta significa mantenere viva la memoria di un processo non ancora concluso che continua a sollecitare ulteriori arricchimenti, che continua a cantare con la propria voce, riuscendo a far cantare di sé anche voci altre. Una voce che ha scandito le vicende sociali degli ultimi centotrenta anni con una continuità unica, spezzando l’oblio nei momenti bui della politica repressiva, spiegandosi nei momenti di slancio e di lotta. Se narrare è guerriglia contro l’oblio, cantare è costruire già subito, pur simbolicamente, il futuro.

I canti verranno presentati nel semplice connubio voce-strumento (chitarra) in forma di concerto con adesione alle modalità musicali, ai gusti e agli stili in uso al momento della composizione. 
Le serie canore, intercalate da brevi commenti volti a contestualizzare e storicizzare i singoli brani, riguarderanno i momenti salienti della storia dell’anarchismo italiano in riferimento alla periodizzazione delle fasi attraversate dalla storia d’Italia: dall’Internazionale ai moti del caro pane (1871-1898), da Bresci alla Grande guerra (1900-1918), dal biennio rosso alla Resistenza (1919-1945), dal dopoguerra al ’68 (1946-1968), da Pinelli al settantasette (1969-1977) e dal 1978 a oggi.

 

Giovedì 9 dicembre alle ore 10 a Catania, presso l’Aula Magna di Scienze Politiche di via Vittorio Emanuele 49

PROFILO STORICO-FILOSOFICO DELL’ANARCHISMO
a cura di Salvo Vaccaro
L’anarchismo è allo stesso tempo filosofia politica e movimento di lotta nati sulla scia degli ideali agitati durante la Rivoluzione francese e condotti alle loro estreme conseguenze logiche. L’anarchismo postula infatti una teoria della massima libertà coniugata alla massima eguaglianza (o giustizia sociale) e alla massima fraternità (o solidarietà). Ognuno di questi tre principi è strettamente correlato all’altro, per cui non vi è libertà senza eguaglianza e senza fraternità. Di conseguenza, la libertà individuale cresce (e non si riduce come nella filosofia politica del liberalismo), con la crescita della libertà collettiva, e viceversa. Come movimento di lotta, l’anarchismo tende all’identità tra mezzo-fine, per cui ogni mezzo dev’essere commisurato e deve corrispondere al fine da perseguire. In tal senso l’anarchismo è anche teoria e prassi dell’organizzazione di una nuova società orizzontale, autoorganizzata e autogovernata dal basso, che nel suo sviluppo abbatta i bastioni dell’autorità politica (stato), religiosa (dio) ed economica (capitale) per sperimentare ampiamente forme libere di convivenza e di comunicazione autentica fra gli uomini.

L’anarchismo non è un sistema di pensiero chiuso in sé stesso, una sorta di lente metodologica attraverso la quale interpretare e incasellare la realtà. Al contrario (e  lo dimostrano la storia delle idee e dei movimenti libertari negli ultimi due secoli in ogni angolo del pianeta), l’anarchismo muta, come muta la società da cui trae linfa vitale, concretizzandosi in nuove e più efficaci forme di resistenza ai poteri dominanti ed esprimendo soluzioni alternative per ogni problema posto dalla contemporaneità.

Salvo Vaccaro, nato nel 1959 a Palermo, insegna Politica internazionale e comparata dei diritti umani in quella Università. È militante anarchico e collabora alla stampa libertaria nazionale e internazionale. Ha curato numerose pubblicazioni sui processi di globalizzazione  (ultime in ordine di tempo: Il pianeta unico, Elèuthera, Milano, 1999; La censura infinita, Mimesis, Milano, 2002; I crimini della globalizzazione, Asterios, Trieste, 2003; Globalizzazione e diritti umani, Mimesis, Milano, 2004) e sul pensiero di Foucault, Deleuze e Nietzsche, suoi autori di riferimento.

Alla storia delle idee e del pensiero anarchici ha dedicato Il Pensiero anarchico (in collaborazione con Filippo Pani), Demetra, Verona, 1997, e Cruciverba, Zero in condotta, Milano, 2001. Notevoli anche i suoi testi teorici: Conversazioni su Anarchia e autogoverno, con Valerio Scrima, La Fiaccola, Ragusa, 1995; Anarchia e progettualità, Zero in condotta, Milano, 1996; Anarchismo e modernità, BFS, Pisa, 2004. Partito dall’analisi delle relazioni di potere nella società contemporanea, Vaccaro ha sviluppato un approccio all’anarchismo fortemente “positivo”, frutto del suo impegno militante, che sfocia nella proposta di una sorta di autogoverno a dimensione municipale e federalista. Nel suo Cruciverba infine perviene ad una filosofia politica influenzata dall’odierna teoria dei sistemi, dove l’anarchismo è visto appunto come un sistema mobile di pensiero in cui ogni elemento è strettamente correlato e connesso agli altri.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]