Inaugurazione anno giudiziario Tar Sicilia. Presidente: «Pubblica amministrazione in difficoltà»

«La percezione dello stato dell’amministrazione siciliana e della sua presumibile capacità di rispondere alle sollecitazioni derivanti dall’attuazione nella Regione dei programmi di investimento oggetto, tra l’altro, del PNRR, è tutt’altro che positiva». Così il presidente del Tribunale amministrativo regionale per la Sicilia, Salvatore Veneziano, nella sua relazione pubblicata in occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario 2023. «Tale giudizio discende non solo dal generico rilievo – già svolto l’anno scorso, ma ribadito anche quest’anno – di una perdurante, oggettiva, criticità nei rapporti tra cittadini ed amministrazioni denotanti un elevato grado di inefficienza della pubblica amministrazione, incapace di onorare oltre che le proprie obbligazioni (ottemperanze), anche gli elementari doveri procedimentali (silenzi e accessi), ma soprattutto dal rilevato calo dei contenziosi in materie che possono denotare lo svolgimento di attività amministrative qualificate, quali le autorizzazioni e concessioni, così come gli appalti».

«Particolarmente preoccupante appare il decremento (-44) di ricorsi trattati con il rito accelerato per appalti, significativo delle difficoltà di ordine amministrativo di concretizzare le misure di semplificazione e rilancio del settore già adottate proprio allo scopo di contrastare gli effetti economici depressivi della pandemia e finanziate dalle prime risorse accreditate dalla Unione Europea nell’ambito del PNRR; il rilievo negativo del superiore dato appare per altro, come già indicato, amplificato dalla circostanza che un numero non irrilevante di ricorsi proposti nel 2022 riguarda in realtà esiti di vecchie procedure di gara – risalenti anche a tre/cinque anni addietro, prevalentemente nel settore dei grandi appalti sanitari e talvolta gestiti dalla centrale unica regionale – che non hanno trovato adeguata e stabile definizione neppure dopo l’esaurimento del doppio grado di una prima fase contenziosa».

A tale fenomeno si aggiunge «quello – piuttosto ricorrente nel settore della sanità, ma non solo – del ritiro in autotutela dei bandi di gara adottati da Aziende sanitarie o ospedaliere ma anche dalla Cuc regionale, anche per importi elevati, a seguito della proposizione di ricorso da parte di operatori del settore che censurano clausole o vizi ritenuti addirittura ostativi alla partecipazione e/o alla utile formulazione in gara di offerte; circostanza che l’amministrazione rinunzi a difendere i propri atti – pur utile ad evitare il contenzioso ed a risparmiare i relativi tempi – denota approssimazione nello svolgimento delle proprie attività nel nevralgico settore della provvista di beni e servizi».

Veneziano parlando della legislazione siciliana ha spiegato che, a suo avviso, risulta essere di «modesta qualità» e sembra avere «rinunziato a riforme di ampio respiro che possano provocare un qualche benefico shock sulla realtà siciliana per preferire interventi spot frequentemente derogativi della legislazione nazionale e non sempre coerenti con i nuovi, e più stringenti, limiti che la Corte Costituzionale ha progressivamente disegnato intorno alla statutaria competenza legislativa esclusiva». L’auspicio del numero uno del Tar siciliano è che «il recente insediamento del nuovo presidente della Regione – proveniente da una esperienza politica nazionale di altissimo profilo, sino a ricoprire la seconda carica istituzionale della Repubblica – possa contribuire a imprimere un diverso e ben più ampio orizzonte all’azione legislativa ed amministrativa regionale e da questa – a cascata, in considerazione del peculiare assetto statutario regionale – a tutta l’azione amministrativa della pubbliche amministrazioni siciliane».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

«La percezione dello stato dell’amministrazione siciliana e della sua presumibile capacità di rispondere alle sollecitazioni derivanti dall’attuazione nella Regione dei programmi di investimento oggetto, tra l’altro, del PNRR, è tutt’altro che positiva». Così il presidente del Tribunale amministrativo regionale per la Sicilia, Salvatore Veneziano, nella sua relazione pubblicata in occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario 2023. «Tale giudizio […]

«La percezione dello stato dell’amministrazione siciliana e della sua presumibile capacità di rispondere alle sollecitazioni derivanti dall’attuazione nella Regione dei programmi di investimento oggetto, tra l’altro, del PNRR, è tutt’altro che positiva». Così il presidente del Tribunale amministrativo regionale per la Sicilia, Salvatore Veneziano, nella sua relazione pubblicata in occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario 2023. «Tale giudizio […]

«La percezione dello stato dell’amministrazione siciliana e della sua presumibile capacità di rispondere alle sollecitazioni derivanti dall’attuazione nella Regione dei programmi di investimento oggetto, tra l’altro, del PNRR, è tutt’altro che positiva». Così il presidente del Tribunale amministrativo regionale per la Sicilia, Salvatore Veneziano, nella sua relazione pubblicata in occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario 2023. «Tale giudizio […]

«La percezione dello stato dell’amministrazione siciliana e della sua presumibile capacità di rispondere alle sollecitazioni derivanti dall’attuazione nella Regione dei programmi di investimento oggetto, tra l’altro, del PNRR, è tutt’altro che positiva». Così il presidente del Tribunale amministrativo regionale per la Sicilia, Salvatore Veneziano, nella sua relazione pubblicata in occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario 2023. «Tale giudizio […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]