Tangenti Aci Catena, Maesano chiede sconto pena In ballo anche l’ipotesi del risarcimento al Comune

Una pena più lieve, quanto basterebbe per evitare un eventuale ritorno in carcere. E, per compensare la riduzione della condanna, un risarcimento nei confronti del Comune. Potrebbe essere questo l’esito del processo di secondo grado ad Ascenzio Maesano e Orazio Barbagallo, rispettivamente ex primo cittadino ed ex responsabile dell’ufficio Finanze di Aci Catena. La proposta di un concordato tra difesa e accusa è stata messa sul tavolo questa mattina dai legali degli imputati, nel corso della prima udienza del processo d’Appello per il caso tangenti. I due sono stati condannati in primo grado a quattro anni per corruzione, nell’ambito dei rapporti intrattenuti con l’Halley consulting, società informatica che per oltre 15 anni ha fornito al Comune i software e la manutenzione delle reti. Al centro del procedimento giudiziario ci sono le mazzette – almeno due per un valore complessivo di circa 20mila euro – che l’imprenditore Giovanni Cerami avrebbe pagato per assicurarsi il rinnovo dell’affidamento del servizio e l’aggiudicazione del progetto di tele-assistenza Home care, bandito dal Comune sfruttando fondi europei. Un affare da 252mila euro

Gli avvocati – Giuseppe Marletta ed Enzo Mellia per Maesano, e Orazio Consolo e Giuseppe Di Mauro per Barbagallo – hanno proposto una condanna di tre anni di pena anziché quattro. Considerato l’anno di custodia cautelare già trascorso tra carcere e domiciliari, ciò potrebbe consentire agli imputati di scontare il resto della pena lontano dagli istituti penitenziari. Un’altra conseguenza dell’eventuale accoglimento dell’accordo sarebbe relativa all’interdizione dai pubblici uffici che – da perpetua che era – potrebbe essere ridotta a tre anni. Questa prima ipotesi è stata accolta dall’accusa, rappresentata dalla pm Tiziana Laudani. Ma la decisione finale spetterà comunque alla giudice. Dove invece al momento le parti divergono è il risarcimento – ancora da quantificare – che la procura vorrebbe venisse inserito nel concordato. I difensori di Maesano e Barbagallo, infatti, al momento si oppongono all’idea di un bonifico da versare al Comune inevitabilmente rimasto danneggiato dall’inchiesta che, il 10 ottobre di due anni fa, portò la Dia ad arrestare l’ex sindaco catenoto e il funzionario in pensione, che all’epoca occupava uno scranno in consiglio comunale. 

A quei fermi si arrivò quasi per caso: nel 2016, infatti, gli uomini della Direzione investigativa antimafia si trovavano ad Aci Catena per indagare sulle presunte pressioni che i clan Cappello e Laudani avrebbero fatto sull’amministrazione comunale per fare sì che la gestione della raccolta rifiuti venisse affidata all’Ef Servizi ecologici di Giuseppe Guglielmino. Quest’ultimo, a dicembre scorso, è rimasto coinvolto, al pari di diversi presunti esponenti mafiosi e dell’imprenditore della ditta Senesi Rodolfo Briganti (per il quale non è stata formulata l’accusa di associazione mafiosa), nell’inchiesta Gorgoni. Fu proprio durante quelle indagini che gli investigatori intercettarono alcune conversazioni tra Maesano e Barbagallo, e tra quest’ultimo e Cerami, nelle quali si sarebbe discusso di tangenti. Con tanto di registrazione del momento in cui, dentro l’auto di Maesano, sarebbe avvenuta la spartizione della somma. D’altra parte entrambi gli imputati, durante il processo di primo grado, hanno ammesso le proprie responsabilità. In tal senso, il concordato proposto all’accusa rappresenterebbe l’ennesimo passo verso la volontà di chiudere al più presto la vicenda. Facendo però in modo di non tornare in carcere e provando magari a ottenere l’affidamento ai servizi sociali. Per saperne di più bisognerà attendere il 21 giugno, giorno in cui riprenderà il processo.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]