Stupro di gruppo villa Bellini: gli indagati non rispondono al giudice o respingono le accuse: «Ero lì per caso»

C’è chi si è avvalso della facoltà di non rispondere e chi ha respinto le accuse che gli vengono contestate. Si sono concluse così le udienze di convalida dei fermi per i sette giovani indagati – due minorenni e cinque maggiorenni, tutti di origini egiziane ma in Italia da anni – accusati dello stupro di gruppo ai danni di una 13enne, con il fidanzato 17enne tenuto fermo e costretto ad assistere, avvenuto nel tardo pomeriggio di martedì 30 gennaio nei bagni pubblici della villa Bellini di Catania. A respingere le accuse davanti al giudice per le indagini preliminari sono stati i due – un minorenne e un ragazzo che è stato accertato dopo che, da poco, ha già compiuto 18 anni – che avrebbero avuto una parte attiva nella violenza sessuale di gruppo aggravata. Un primo avvocato nominato d’ufficio Giovanni Avila aveva rinunciato alla difesa.

Due maggiorenni avrebbero fatto scena muta. Uno, il giovane che si era confidato con un’operatrice della comunità di accoglienza in cui era ospite e che aveva collaborato con gli inquirenti per l’individuazione degli altri, ha confermato quanto già riferito: il ragazzo ha sostenuto davanti al gip che era alla villa Bellini ma che non ha preso parte alla violenza. Un altro ha smentito anche la partecipazione alle fasi iniziali dell’aggressione alla coppia di fidanzatini. «Dei miei assistiti – conferma l’avvocato Alessandro Fidone a MeridioNews – uno, che vive in una comunità, si è avvalso della facoltà di non rispondere; l’altro, che lavora ad Acireale (in provincia di Catania, ndr) invece, si è fatto interrogare e ha risposto alle domande del gip dicendosi estraneo ai fatti: era sul posto ma non ha partecipato all’aggressione, essendosi limitato solo a guardare».

«Il mio assistito – aggiunge l’avvocato Salvatore Ganci che assiste il ragazzo maggiorenne che si trova agli arresti domiciliari – nel suo interrogatorio lampo, ha confermato quanto aveva detto prima e ha spiegato che la sua presenza sul posto è stata del tutto casuale: era lì perché ha sentito gridare. Si è reso conto della gravità dei fatti sin da subito e, per questo, ha parlato con gli operatori della comunità e poi con i carabinieri. Inoltre – sottolinea il legale – pare che ci fossero tra i sette e i dieci ragazzi». Al momento, il fermo ne indica solo sette ma dalle indagini potrebbe emergere altro. L’esito delle udienze di convalida dei fermi dovrebbe arrivare tra la serata di oggi o, al massimo, la mattinata di domani.


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]